Non serve mica gridare per avere attenzione…

GridareAttenzioneStelle

Per chi non ha studiato Scienze della Comunicazione et similia, la frase di stasera sembrerà un controsenso, visto che – ormai – siamo abituati a pensare che vince chi urla di più

Non serve mica gridare per avere attenzione, le stelle stanno in silenzio eppure c’è chi le guarda per ore

Io, invece, ho studiato proprio Scienze della Comunicazione: qualche trucchetto lo conosco bene. Anche se ho un tono di voce alto, io non grido quasi mai:

  • Grido di gioia
  • Grido di rabbia
  • Grido di tristezza

ma non grido mai per avere ragione…figuriamoci per avere attenzione. Ho un tono di voce alto, ma questo è un altro discorso.

Lo sfondo di questa frase è eloquente:

  • Una montagna innevata
  • Un lago
  • Il cielo stellato

Tutti elementi che se potessero parlare, chissà quante cose avrebbero da dire. Anche molte persone del passato hanno espresso la propria arte in modo muto: pensate a Charlie Chaplin.

Anche io, come le stelle, sto spesso in silenzio pur essendo in compagnia. Non sono una persona molto loquace, preferisco scrivere o fotografare: mi esprimo meglio così.

I miei silenzi non hanno nulla di negativo, anzi: significano che vi sto ascoltando. In quei momenti, avete tutta la mia attenzione: non lo faccio per emettere chissà quale giudizio su di voi. Lo faccio semplicemente perché so che – prima di tutto – siete persone che meritate tutto il mio rispetto.

Permettetemi un gioco di parole: spero starete attenti ai miei silenzi…significano molto di più di quanto non possiate immaginare.

È nel momento delle decisioni che si plasma il tuo destino

 

DecisioniDestinoRobbins

È nel momento delle decisioni che si plasma il tuo destino

Non sono un seguace di Anthony Robbins e della PNL: oggi ho scelto questa frase per prendere un po’ in giro (nel mio piccolo) questo sedicente guru:

È nel momento delle decisioni che si plasma il tuo destino

Anzichè parlare subito di decisioni, io parlerei prima di scelte. Nonostante sosteniamo spesso di non avere scelta, raramente ciò accade veramente. Farò solo quattro esempi, ma potrei stilare un elenco infinito

  • Possiamo scegliere di agire o non agire
  • Possiamo scegliere di ascoltare una persona oppure no
  • Possiamo scegliere di continuare una strada o cambiare direzione
  • Potete scegliere di continuare a leggere questo post oppure no

Credo sia nel momento della scelta che si plasmi una parte del nostro destino: non prima, non dopo. Successivamente, saremo influenzati dalla determinazione con cui cerchiamo di raggiungere un obiettivo: più è forte la determinazione, meno saranno difficili gli ostacoli da superare. Per dirla brevemente, Robbins ha saltato un passaggio…ma non solo.

A meno che siate degli eremiti che passano il tempo su un altopiano nella posizione del lotoogni giorno incontrerete varie persone.  Vorrei farvi una domanda

Come saranno influenzate le altre persone dalla vostra decisione?

Direi che di questo ne parleremo domani…