Il grado di libertà di un uomo si misura dall'intensità dei suoi sogni

Il grado di libertà di un uomo si misura dall'intensità dei suoi sogni
Il grado di libertà di un uomo si misura dall’intensità dei suoi sogni

Ormai ho perso il conto delle volte in cui ho citato Alda Merini ed usufruito delle immagini proposte su Facebook da La Repubblica: quando ho cominiciato a scrivere, non immaginavo che la poetessa dei Navigli e il quotidiano romano potessero darmi così tanta ispirazione.

Il grado di libertà di un uomo si misura dall’intensità dei suoi sogni

La cara Alda ha ragione:

  • Nel mondo onirico non ci sono regole
  • Nei sogni tutto è possibile

Poco importa l’interpretazione della psicanalisi, in questo caso: è importante la bellezza che attribuiamo noi al sogno.

Se ci limitassimo a pensare che sognare sia un’attività cerebrale senza importanza, vivremo una vita molto pratica e concreta, perciò molto costrittiva. Più diamo importanza ai sogni, più ci sembrano un obiettivi da raggiungere. Non a caso le parole sogno e desiderio sono sinonimi.

È un promemoria che mi devo appuntare: devo imparare a sognare di più!

Se vuoi conoscere chi comanda, cerca semplicemente chi non ti è permesso di criticare

Se vuoi conoscere chi comanda, cerca semplicemente chi non ti è permesso di criticare
Se vuoi conoscere chi comanda, cerca semplicemente chi non ti è permesso di criticare

Ho studiato poca filosofia in vita mia, ma Voltaire lo conosco abbastanza bene: non era una persona che andava per il sottile, se necessario.

È il caso della frase di stasera

Se vuoi conoscere chi comanda, cerca semplicemente chi non ti è permesso di criticare

Le critiche non piacciono a nessuno, questo è ovvio. Tuttavia, più è basso il nostro livello gerarchico, più è probabile essere criticati.

Non sto parlando esclusivamente del lavoro: in ogni gruppo si costituisce una gerarchia

  • Il padre è considerato il capofamiglia
  • In ogni squadra c’è un capitano
  • A scuola c’era il capoclasse

Spesso muovere critiche a certi livelli è difficile ed anche dannoso per la propria reputazioneoccorrono prove solide ed una buona dose di coraggio per poter esprimersi esprimere liberamente.

Tutto questo potrebbe essere superato se ci ricordassimo di una cosa: qualunque sia il ruolo che ricopre, un individuo è prima di tutto una persona…perciò può sbagliare!

Be Kind. Work hard. Stay humble….

Be Kind. Work hard. Stay humble. Smile often. Keep honest. Stay loyal. Travel when possible. Never stop learning. Be thankful always. And love.
Be Kind. Work hard. Stay humble. Smile often. Keep honest. Stay loyal. Travel when possible. Never stop learning. Be thankful always. And love.

La frase di stasera, condivisa da Linda, mia ex-compagna di Università, su Facebook appartiene alla raccolta che potete trovare all’indirizzo http://dailyvibes.org/. È un sito strano e bellissimo: una specie di ambiente zen nella rete.

Se non fosse per la lingua, queste parole potrebbero essere pronunciate – appunto – da un monaco buddista

 Be Kind. Work hard. Stay humble. Smile often. Keep honest. Stay loyal. Travel when possible. Never stop learning. Be thankful always. And love.

Tradotta in italiano per i non anglofoni, la frase è

Sii gentile. Lavora duramente. Rimani umile. Sorridi spesso. Mantieniti onesto. Rimani fedele. Viaggia quando possibile. Non smettere mai d’imparare. Sii sempre grato…E ama.

 

Se contate, noterete che sono usati dieci imperativi: il numero non vi ricorda qualcosa?

Forse sarò troppo sensibile, ma credo di aver incontrato sulla mia strada tante persone che – con il loro comportamento – mal si conciliano con questi concetti.

L’immagine di sfondo è un classico nei messaggi che vogliono trasmettere

  • Calma
  • Serenità
  • Amore

Ma credo che siano come le canzoni di Fiorella Mannoia: non passano mai di moda. Non solo perchè sono bellissimi concetti, ma perchè sono le tre cose su cui dovremmo costruire il mondo.

 

Ci sono bugiardi così bravi, ma così bravi, che alla fine ti convincono che le vittime sono loro

Ci sono bugiardi così bravi, ma così bravi, che alla fine ti convincono che le vittime sono loro
Ci sono bugiardi così bravi, ma così bravi, che alla fine ti convincono che le vittime sono loro

Non sono bravo a mentire: non saprei raccontare una bugia nemmeno con una pistola puntata alla tempia.

Non tutti sono sono così, infatti la frase di stasera, proposta dalla pagina Facebook raggio di solerecita

Ci sono bugiardi così bravi, ma così bravi, che alla fine ti convincono che le vittime sono loro

Da una breve ricerca, sembrerebbe che l’aforisma sia opera della nostra contemporanea  Wanda Tibulli: non una VIP, ma una persona come tante, come me e voi che mi state leggendo.

Anche io ho incontrato tanti bugiardi. Non mi importa ciò che dice il vocabolario, ma ricordo cosa mi dissero i professori all’Università:

Se vuoi fare pubblicità, dì sempre la verità: se sei bugiardo, i consumatori se ne accorgono…e tu sei rovinato!

Questo insegnamento mi è tornato utile anche nella vita: i consumatori sono un sottoinsieme del grande insieme delle persone, perciò ho trattato sempre con la dovuta verità e garbo

  • Amici
  • Colleghi
  • Conoscenti
  • Clienti

In una parola: tutti, anche quelli che sono stati bugiardi con me….e ce ne sono stati tanti!

Ho imparato a sognare

 

La scelta del brano di oggi parte da un mio vuoto creativo: non sapevo cosa scrivere. Ho chiesto aiuto alla mia amica Paola, affettuosamente soprannominata la Pisquana.  In meno di cinque minuti, mi sono ritrovato sulla mia pagina Facebook il video della cover  di Ho imparato a sognare cantata da Fiorella Mannoia.

La versione originale  e la cover differiscono per una sola parola: vi sfido a trovarla!

Se la scienza ci ha insegnato che il sogno è qualcosa di inconscio, perciò incontrollabile, la canzone parla del sogno come un’arte da imparare. Questo spiega la scelta delle immagini del video: un gruppo di persone di varia età che, dietro ad una lavagna di plexiglas, disegnano i loro sogni. Immagini semplici, quasi didascaliche, che rimandano subito alla scuola e al detto

Non si finisce mai d’imparare

Più che di apprendere, parlerei piuttosto di riapprenderealzi la mano chi non ha mai sognato da bambino e – contemporaneamente – ricorda il sogno fatto questa notte.

Forse è una ccosa che dovremmo riapprendere tutti!

Impossible is nothing

Impossible is nothing
Impossible is nothing

Quando ho appreso della morte di Muhammad Ali (che per me è sempre stato Cassius Clay) immaginavo che il web gli avrebbe reso omaggio in molti modi. Così è stato.

I lettori più giovani assoceranno la frase di stasera all’Adidas oppure alla Nike: entrambe l’hanno utilizzata nelle loro campagne pubblicitarie. il pay-off 

Impossible is nothing

non è altro che l’ultima parte di un aforisma di Alì. La citazione completa è

“Impossibile” è solo una parola pronunciata da piccoli uomini che trovano più facile vivere nel mondo che gli è stato dato, piuttosto che cercare di cambiarlo.
“Impossibile” non è un dato di fatto, è un’opinione…
“Impossibile” non è una regola, è una sfida…
“Impossibile” non è uguale per tutti…
“Impossibile” non è per sempre…
Impossible is nothing.

In queste cinquantasette parole c’è tutto Alì, ma anche tutto il concetto di sport professionistico: non si arriva a certi livelli senza pensare che sia tutto possibile. In modo più pacato, potremmo dire che è una convinzione molto legata all’autostima.

Allo sport sono legati molti concetti, fra cui:

  • Fatica
  • Sudore
  • Sacrificio

Alcuni di essi sono stati citati anche nel monologo di Ogni maledetta domenica. Questi concetti sono molto usati in pubblicità per far leva sulle motivazioni e gli istinti dei consumatori, non solo sportivi.

Le parole sono diverse di volta in volta, ma il concetto è sempre il medesimo

Tu puoi fare di più

Facebook: perché investire in pubblicità in estate

Questa sera youtube metteva in evidenza un video dal titolo Facebook: perché investire in pubblicità in estate. Essendo un video pubblicato da un account legato a register.it, ho cominciato a guardarlo con un certo interesse: mi aspettavo un qualcosa di

  • Professionale
  • Accattivante
  • Interessante

La durata del video avrebbe dovuto mettermi in guardia: internet è un mezzo rapido, in cui è difficile mantenere desta l’attenzione per più di dieci minuti. Chi riesce a coinvolgere per più di mezz’ora gli utenti è un mito!
Ciò che ho trovato guardando non ha nulla di ciò che mi aspettavo. Si tratta dell’audio di una conferenza sul tema in oggetto.
L’audio in presa diretta pecca di qualità: pur essendo comprensibile, il volume ha frequenti alti e bassi. La voce del relatore ha un tono monocorde: il massimo della vita… se il nostro scopo è quello di addormentare un pubblico!
Questo ci può insegnare varie cose:

  1. Anche se è facile realizzare un prodotto per il web, realizzare un buon prodotto per il web è molto più difficile
  2. Prima di realizzare il prodotto, occorre pianificarlo
  3. La realizzazione deve essere seguita dall’editing

Vi prometto che fra pochi giorni troverò un video adatto a voi.

Heroes

 

L’ultimo spot dell’acqua minerale Levissima segna una svolta radicale nel posizionamento del prodotto.

Abbiamo ancora nelle orecchie la voce di Reinhold Messner che recitava lo slogan

Altissima, purissima, Levissima

Dato il luogo di origine del prodotto (le sorgenti della Levissima sono in Valtellina) avrei preferito uno sportivo locale piuttosto di uno altoatesino, per quanto famoso.

Questo è il passato: concentriamoci sul presente.

La canzone è talmente famosa di non avere bisogno di presentazioni ed era già stata usata come sigla della trasmissione Sfide, oltre che come ultimo brano della colonna sonora del film Noi siamo infinito. La morte di David Bowie deve aver aumentato i download di questo brano negli ultimi mesi.

Non è certo per la fama che è stato scelto questo brano, ma per il suo testo, che ben si sposa con il nuovo testo dello spot

Per tutti quelli che hanno una vetta da conquistare, c’è un’acqua che accompagna in ogni ,piccola e grande scalata…

Anche il web ha avuto la sua parte:Levissima ha lanciato il progetto #everydayclimbers, con tanto di hashtag che, però, non sembra aver ancora preso piede come si deve.

Cheap Thrills

 

Questa sera, scegliendo il video, ho notato una differenza così evidente da passare quasi inosservata:

  • Ci sono aziende italiane che reclamizzano i loro prodotti puntando molto sull’italianità, come l’Algida
  • Ci sono aziende italiane che reclamizzano i loro prodotti con un taglio più internazionale

È il caso della Wind che, oltre al nome, sceglie da anni per le sue campagne pubblicitarie:

Quest’estate la scelta è caduta su Cheap Thrills (letteralmente Emozioni economiche) con le voci dell’australiana Sia e del giamaicano Sean Paul.

Leggere il testo a fronte  fa sembrare il brano fuori contesto: pubblicizzare un prodotto commerciale con una canzone in cui si sente ripetere per otto volte

I don’t need no money

(Non mi servono soldi)

e per nove volte in sottofondo

I love cheap thrills

(Amo le emozioni a basso costo)

Può far sorridere.

Ciò che conta in pubblicità, però, è vendere: se il brano è accattivante e trascinante, come in questo caso, non ci trovo nulla di male.