Ma che ne sanno gli altri, di tutto quello che ho passato senza lamentarmi

Ma che ne sanno gli altri, di tutto quello che ho passato senza lamentarmi
Ma che ne sanno gli altri, di tutto quello che ho passato senza lamentarmi

La frase di stasera potrebbe sembrare un modo di dire abbastanza comune, ma è stata inserita nel testo di Bonny e Clyde del rapper Sac1

Ma che ne sanno gli altri, di tutto quello che ho passato senza lamentarmi

Sinceramente, credo sia un problema che abbiamo un po’ tutti: quando cresciamo, ci impongono e ci aiuto imponiamo di essere forti. L’interpretazione più comune di questa frase può essere riassunta dal verbo sopportare.

Purtroppo, a volte, estremizziamo il concetto giungendo a non lamentarci mai di nulla.

Detto in altri termini, non sfoghiamo le emozioni  che, presto o tardi, reclameranno il loro spazio.

Questa è la causa principale delle nostre difficoltà ad avere buoni rapporti con gli altri: le emozioni negative ci logorano dentro, incupendo il nostro umore e facendoci apparire egoisti e – forse – anche egocentrici.

La soluzione sarebbe semplice:

  • Fidarci di più degli altri
  • Aprirci di più

Purtroppo, siamo ancora molto diffidenti verso il prossimo.

 

2 commenti su “Ma che ne sanno gli altri, di tutto quello che ho passato senza lamentarmi”

Rispondi