Roar

 

Il video di Katy Perry di oggi  non è certo impegnato: persino il titolo è brevissimo. basterebbe poco a classificare il tutto come qualcosa con cui divertirsi qualche minuto.

Stessa cosa potremmo dire delle canzoni: ad un primo ascolto, si ha l’impressione di aver trascorso allegramente qualche minuto, nulla di più….ma avete mai provato a leggere il testo e a calarlo nell’insieme?

Unendo immagini e parole, ne esce un ritratto di una persona con poca stima di sé. Non importa che il suo stato psicoemotivo sia stata la rottura di un amore: molto probabilmente, la fine della relazione è stata solo l’ultima avversità che ha dovuto affrontare.

Giunti a quel punto, tutti noi abbiamo poche scelte:

  1. Lottare e andare avanti
  2. Crogiolarsi nel dolore
  3. Concedersi il tempo di analizzare la situazione

Anche se per altri motiviio ho rischiato di cadere nella trappola. Fortunatamente, mi sono ribellato o – per meglio dire – il mio corpo lo ha fatto per me…perchè voleva continuare a vivere.

Il corpo certamente ci può dare indicazioni, ma dobbiamo essere comunque capaci di seguirle nella nostra interezza: corpo, mente, spirito.

La famiglia non è sempre una questione di sangue…

Due amiche sorridenti sono una famiglia
La famiglia non è sempre una questione di sangue. Famiglia sono le persone della tua vita che ti vogliono nella loro e che ti vogliono per quello che sei. Sono quelle che fanno di tutto per farti sorridere e che ti amano senza condizioni

Sono single, abito lontano dai miei gentitori da anni, mio fratello ha la sua vita… come potrei mai parlare di famiglia?

Ne parlo perchè non intendo la famiglia in senso giuridico, ma come la intende la frase  condivisa sulla pagina Facebook Pensieri scalzi di L. Scudiero

La famiglia non è sempre una questione di sangue. Famiglia sono le persone della tua vita che ti vogliono nella loro e che ti vogliono per quello che sei. Sono quelle che fanno di tutto per farti sorridere e che ti amano senza condizioni

Per esempio, della mia famiglia fanno parte:

  • Consolata, che mi consiglia sempre: magari un giorno cambierà il nome in Consigliata
  • Paola, con cui proprio stasera ho fatto una di quelle telefonate che solo noi due possiamo capire
  • Flora: non ho mai parlato di lei…ma credo che i nostri rispettivi gestori telefonici debbano farci un piano forfettario, data la lunghezza chilometrica delle nostre chiamate: pagheremmo molto meno
  • Gli scalmanati del gruppo di fotografia: no, non potreste mai dire che è un gruppo normale…

Credo che anche voi abbiate dei famigliari non inseriti nel vostro stato di famiglia. Parafrasando Totò, potremmo chiederci

Siamo uomini o famigliari?

ma forse è una domanda stupida: non è necessario capire quale sia il tipo di rapporto che ci lega l’uno all’altro, l’importante è che esista.