Ognuno ha una favola dentro che non riesce a leggere da solo…

 

Frase di Pablo Neruda
Ognuno ha una favola dentro che non riesce a leggere da solo. Ha bisogno di qualcuno che, con la meraviglia e l’incanto negli occhi, la legga e gliela racconti

Facciabuco (non Facebook) si autodefinisce un Social Network satirico, ma credo che più di qualche iscritto non lo consideri tale, se ho trovato senza fatica una frase di Pablo Neruda

Ognuno ha una favola dentro che non riesce a leggere da solo. Ha bisogno di qualcuno che, con la meraviglia e l’incanto negli occhi, la legga e gliela racconti

Sarebbe troppo semplice dire che mi sembra una buona descrizione della psicoanalisi, ancor più marcata dalla presenza di un paesaggio notturno, che mi rimanda a qualcosa di misterioso, come immagine di sfondo.

L’autoanalisi della propria vita è un esercizio impossibile: pur provandoci, il rischio di non considerare determinati elementi e giungere sempre alle stesse conclusioni è troppo elevato.

Non dimentichiamo, poi, l’empatia: a volte, è impossibile dare un nome ai propri pensieri, è necessario qualcuno che li interpreti, ma è necessario che questa persona comprenda cosa stiamo passando.

So bene che sembra l’ennesimo invito a tutti ad affrontare un percorso psicoanalitico: in realtà, è semplicemente l’ennesimo invito ad aprirsi di più al prossimo…a volte può comprendervi meglio di quanto non possiate credere.

3 commenti su “Ognuno ha una favola dentro che non riesce a leggere da solo…”

  1. Sono pienamente d’accordo con la tua visione: da soli non ce la si fa. Serve uno specchio buono, non rotto, che ci rimandi professionalmente, l’immagine di noi con tutte le nostre sfaccettature.
    Buona serata
    Eletta

    1. Grazie Maria per la tua domanda. Per spiegarmi, userò un paragone. Facebook è un “bar virtuale” in cui gli utenti sono gli avventori. Il fatto che sia un bar, porta a parlare spesso di argomenti leggeri. A volte, però, una persona ha la necessità di condividere anche altri pensieri con gli amici del bar.
      Fuor di metafora, se la frase non fosse autografata da Pablo Neruda, resterebbe comunque molto valida: una di quelle frasi che un adolescente un po’ filosofo scriverebbe sulle pagine domenicali del proprio diario. Spero di aver risposto alla tua domanda.

Rispondi