E’ morto il sergente Hartman

Quando ho letto la notizia della morte di Ronald Lee Ermey, il Sergente Hartman di Full Metal Jacket, è come se l’articolo di oggi fosse già dentro di me. Devo solo battere i tasti per trasferire il tutto dal dentro al fuori.

La scelta del video è stata semplice: chi non ricorda le prime parole e l’espressione quasi da ebete di Leonard Palla di lardo Lawrence durante il famoso discorso iniziale di Hartman?

Naturalmente, stiamo parlando di una situazione che molti di noi hanno solo visto in un film: solo la minoranza ha vissuto una cosa del genere in prima persona. Ammetto che è una cosa che è capitata anche a me.

A prescindere dal ruolo (cinematografico o lavorativo, poco importa) ho sempre avuto un’impressione ambivalente: più una persona ha un atteggiamento da duro, più è probabile che si senta un debole.

Sto semplicemente parlando di una mia impressione, non ho prove scientifiche a riguardo. Non credo sia un caso, però, che quando ci difendiamo da questa aggressività, spesso il duro di turno rivela il suo lato debole. In altri termini, nel momento in cui ci difendiamo dai soprusi ricevuti, mettiamo a nudo l’umanità di chi ci schiaccia.

La difesa migliore è – spesso – quella più sorprendente: spesso, in un momento di rabbia, ci comportiamo in modo poco civile. Credo sia l’ultima risorsa che mettiamo in campo quando mettiamo in pratica il proverbio

Quando è troppo, è troppo

Del resto, è ciò che fa Palla di lardo  ad Hartman. Non sto incitando ad uccidere chicchessia in alcun modo: tuttavia, è doveroso difendersi.

La difesa va messa in atto come un colpo di genio, citando Amici Miei: con fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità di esecuzione. Quando siete preda di un moto di rabbia, dovete fidarvi del vostro istinto, non frenarlo ma – piuttosto – incanalarlo con fatti e parole nel modo più produttivo possibile.

 

Rispondi