Canzone d’amore indipendente

A volte una canzone nasce come indipendente fin dal titolo, salvo poi diventare commerciale per altri motivi.

È il caso di Indepent love songdiventata colonna sonora di una famosa pubblicità degli anni novanta, in cui un’avvenente signora scendeva come una ragazzina delle elementari il corrimano di una scala con in mano un bicchiere di una famosa bevanda.

Se, da un lato, la pubblicità ha fatto diventare nota questa canzone, dall’altro l’ha resa meno indipendente. Credo che anche  gli Scarlet abbiano – in un certo senso – dovuto mediare fra due loro necessità

  1. Quella di essere indipendenti
  2. Quella di raggiungere la notorietà

Il destino ha voluto che non raggiungessero nessuno dei due obbiettivi, ma – ovviamente – loro non potevano saperlo. Del resto, nessuno di noi può prevedere il futuro.

Come ci insegna anche il video della canzone, il destino e l’amore hanno una cosa in comune: sono dei bambini birichini fanno un po’ quello che gli pare, con buona pace di tante persone che si comportano come agenti della buon costume in incognito, che pretendono di insegnarci a vivere.

Quando dico che occorre parlare di più, non intendo certo con il significato di piegare gli altri al nostro modo di vedere le cose.  Lo intendo nell’accezione di spiegare come noi vediamo una determinata questione. Sarà poi il nostro interlocutore, forte dell’essere indipendente,  a dover decidere se la sua opinione precedente era corretta o deve essere rivista alla luce delle sue esperienze precedenti.

A volte ci facciamo prendere dalla rabbia e dall‘ansia. Impossibile domarle, perlomeno nel momento in cui si manifestano, con in più il problema che fanno ragionare poco lucidamente. Tuttavia, sono – fortunatamente – momenti passeggeri.

In certi momenti, non è tempo di spiegare come stanno determinate questioni, ma occorre attendere un momento più propizio. Spesso è anche utile stare da solo per qualche giorno, in modo da poter rimettere insieme i pezzi. Se, però, vi piove dal cielo l’aiuto di qualcuno, non dite certo di no.

Rispondi