Bugie Confortanti o Verità difficili? Cosa preferisci?

Meglio delle bugie o delle verità?
Cosa preferisci? Bugie confortanti o verità difficili?

Dal nome, la pagina Facebook Cosabolleinpentolasicilia Angela potrebbe sembrare che si occupi di cucina. In realtà, si occupa di ben altro. Lo si può capire dall’immagine che ho trovato oggi. Una fila di gente allo sportello dedicato alle bugie confortanti, un impiegato disoccupato dietro il bancone delle verità difficili.

La domanda che sovrasta tutto questo è volutamente ironica

Cosa preferisci?

La risposta è tutt’altro che scontata, come dimostra l’immagine: in situazioni di relativa calma, ci troveremmo tutti d’accordo nel dire che saremmo disposti a preferire delle verità difficili da digerire, piuttosto che sopportare delle bugie che forse ci tranquillizzano, ma che comunque contrastano con la nostra intelligenza ed onestà.

La verità che nessuno prende in considerazione è che non siamo solo razionalità. Le persone si considerano sufficientemente fredde da sostenere che sarebbero in grado di sostenere qualunque notizia brutta, purché vera, e di preferirle a tutte le bugie possibili.

Il problema è che, in caso di notizie brutte, l’istinto prende il sopravvento, facendo franare tutti i buoni propositi. Io stesso mi ero ripromesso di reagire con stoicismo  alle avversità della vita, per citare la stessa definizione che ho trovato sul vocabolario. Scusate se vi sembrerò cinico, ma…Credete che ci sia riuscito?

Reagire in modo poco razionale a verità difficili non è solo normale, ma è anche sano: meglio urlare tutto il nostro dolore nel momento in cui lo stiamo provando piuttosto che tenerlo dentro. Che ci crediate o no, le persone intorno a voi se ne accorgono che non siete sereni, soprattutto quelle più empatiche.

Naturalmente, non è sempre il momento giusto per sfogare la propria frustrazione e nemmeno tutti i modi sono corretti. Quello che trovo più confacente al mio modo d’essere è parlarne con una persona che mi sta a cuore, a volte faccia a faccia, a volte per iscritto, ma comunque parlarne.

Il mio non è certo l’unico modo per sopportare le verità: spetta a voi trovare il vostro, ma vi garantisco che – se lo farete – la vostra vita migliorerà.

 

Rispondi