Libri finti per laurearsi all’Università della vita

Libri finti per laurearsi all'Università della vita
Libri finti per laurearsi all’Università della vita

Come potete vedere dall’immagine, in mezzo ad un negozio fanno bella mostra dei libri finti, in vendita a cinquanta centesimi: meno di un caffè.

La frase di Squilibrata Sicula, che ha twittato questa perla, potrebbe non lasciare spazio a dubbi

Per laurearsi all’Università della vita

In un Paese, il nostro, in cui le persone quasi si vantano di non leggere libri da molto tempo l’ironia del tweet potrebbe non essere apprezzato.

Se è vero che la vita va vissuta, è anche vero che la cultura aiuta in molti casi: volendo essere pratici, dà le istruzioni per comportarsi in modo appropriato in molte situazioni.

Per esempio, tutti noi dovremmo  studiare educazione civica a scuola. Spesso, questa materia è accantonata in favore di altre. Il risultato è catastrofico: molte cose che dovremmo sapere per vivere civilmente restano lettera morta, perché ci sono ignote.

Il rischio di farsi guidare da persone che sono dei finti guru nel loro campo mi sembra abbastanza concreto. L’alternativa è quella di

  1. Ascoltare le opinioni altrui
  2. Documentarsi
  3. Farsi una propria opinione

Mi scoccia sapere che molte persone si giustificano di leggere poco sostenendo che non hanno abbastanza tempo: se ciò fosse effettivamente vero, dove trovano il tempo di guardare la televisione?

Non nego che la televisione, essendo molto passiva, non richiede un grande sforzo. Tuttavia, se troviamo un libro che ci piace non credo ci lamenteremo dellaa fatica fatta per leggerlo.

Permettetemi di farvi un esempio, fra il concreto e lo spiritoso, di quanto potrebbe accadere se abbandonaste i libri finti e la televisione a vantaggio di un libro vero. Il giorno in cui qualcuno che la somma fra tre e due è sei, non avrete bisogno nemmeno di usare le dita. Detto in altri termini, sarete più difficili da abbindolare.

Essendo più seri, non potete insegnare agli altri se prima non istruite voi stessi.

Rispondi