Diamante pazzo, risplendi

Ogni persona è una specie di diamante: ne sono convinto io, ne erano convinti i Pink Floyd, che dedicarono molti testi al fondatore della band, Syd Barrett, dopo che fu allontanato dalla band per mai del tutto chiariti problemi psichiatrici.

Basta leggere il testo della canzone che i Floyd dedicarono a Syd per capire, in un certo senso, il significato della parola amicizia. Un diamante deve risplendere: per farlo, basta porlo in controluce. Una persona deve risplendere, in un certo senso, di luce propria.

Questo non significa che gli amici non possano aiutare chi è in difficoltà. Continuando la metafora del diamante, gli amici non devono essere messi in controluce: così facendo, ne vedremmo solo l’ombra. Gli amici devono essere messi nelle condizioni di dare il meglio delle proprie capacità.

Per fare un esempio generico, a meno che non vi abbia mancato di rispetto, non serve rimproverare aspramente un amico per una sua mancanza. Potrebbe essere utile fargli notare eventuali errori, ma trovo ancora meglio metterlo nella condizione di far esaltare la sua capacità.

Per citare una frase di Einstein che mi piace tanto

Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido

Naturalmente, molto dipende anche dal carattere delle persone che hanno a che fare con il diamante di turno: c’è chi userà un tono più brusco e chi userà un tono più pacato. Fin quando userete il solito tono delle normali conversazioni, farete capire al prossimo la vostra vicinanza. Cambiando atteggiamento, probabilmente questa persona si metterà sulla difensiva.

Apprezzare questa o quella caratteristica dell’amico di turno è il miglior modo per tenerselo vicino. Non è una questione di adulazione, è semplicemente di far capire quanto l’altra persona sia importante per noi.

 

Rispondi