Quello che la gente ama più dell’eroe è vederlo cadere

eroe Uomo ragno nero in memoria di Stan Lee
Quello che la gente ama più dell’eroe è vederlo cadere

Anche se so che l’Uomo Ragno nero è la nemesi dell’eroe, trovo che il suo ritratto sia adatto alla frase di oggi, forse anche perché ricorda il colore del Lutto per la morte di Stan Lee, il suo creatore

Quello che la gente ama più dell’eroe è vederlo cadere

citando una battuta dell’omonima serie di film.

Il testo ha un significato molto diverso, soprattutto se lo sleghiamo dal lutto fumettistico e dall’ambito in cui e nato.

Non possiamo negare che al mondo esistano persone che – per altri individui – sono la rappresentazione dell’eroe. Da un lato, ammiriamo questa persona,  dall’altro lo invidiamo.

L’invidia è generata dal fatto che vorremmo essere al posto di quello che comunemente chiamiamo leader. Non intendo questa parola solo in senso politico, ma come persona competente in qualche ambito.

Il motivo per cui ciò accade è che consideriamo questa persona – in un certo senso – di successo, perché forse è riuscita in un ambito dove voi avete fallito e vorreste essere al suo posto.

Non tutti possono raggiungere il successo, almeno nel significato che assegniamo comunemente a questo termine, ma ciò non significa che abbiate totalmente e miseramente fallito in vita vostra.

Ciò che avete voi, non ce l’ha nessun altro, anche se vi sembra comune. Forse dovreste cominciare a sentirlo come speciale e a valorizzarlo, come ho fatto io con la scrittura. Non dovete – però – cadere nell’errore di voler raggiungere il successo. Dovete fare una determinata cosa perché vi fa piacere.

Non sempre si può collaborare insieme.  Tuttavia, si può sempre fare in modo che ogni eroe  possa proseguire nel proprio modo a costruire un mondo migliore. E’ meglio che non ci sia  un  Goblin che lo disturbi mentre sta cercando di cambiare il mondo. Del resto, è la stessa cosa che state provando a fare voi, nel vostro modo.

 

Rispondi