Da Leonardo a Botero il pasto è breve

prima del pasto e dopo il pasto
24 dicembre – 6 gennaio: da Leonardo a Botero il pasto è breve

Ci avviciniamo al 24 dicembre, data in cui, per tradizione si consuma il primo pasto delle Feste di Natale, generalmente a base di pesce. Le conseguenze del tour de force culinario che ci aspetta ce le ricorda la pagina Facebook Buelo amici, che paragona il modo di dipingere di Leonardo con quello di Botero.

Nell’immagine si vede lo stesso soggetto – la famosa Monna Lisa  – dipinta in stile leonardesco ed in chiave boteriana. Il motivo di questo paragone, più che visivo,  è culinario, come spiega la frase

Da Leonardo a Botero il pasto è breve

La battuta, dato il periodo e le conseguenze di consumare ogni giorno festivo compreso nel periodo natalizio un pasto abbondante, fa sicuramente ridere. Risulta immediatamente comprensibile paragonando le due immagini.

Vorrei farvi una domanda

Avreste riso lo stesso se, anziché due quadri, il soggetto fosse la stessa persona ingrassata dopo qualche tempo?

Le riviste di gossip, spesso, ci propongono articoli su star ingrassate, vedendole come oggetto di articoli, non come persone. Senza volerlo, è la stessa cosa che facciamo noi con chi conosciamo se notiamo che è ingrassato.

Dal fisico alla psicologia il passo è breve, per citare la vera forma del modo di dire usato in quest’immagine: spesso facciamo notare a chi ci sta vicino loro eventuali cambiamenti, a volte complimentandoci, altre volte criticando il soggetto per essere ciò che è o per ciò che è diventato.

Non ci rendiamo conto che tutti evolvono con il tempo: nessuno ne è esente e – spesso – il cambiamento è costante, ma impercettibile, come se qualcuno crescesse di un millimetro ogni giorno.

Anche noi, essendo persone, siamo coinvolti in questo cambiamento: nessuno pensa che magari l’altra persona è rimasta tale e quale a sé stessa, mentre siamo noi ad essere cambiati e le cose che trovavamo gradevoli una volta ora ci danno fastidio?

Rispondi