Grande Fratello 15: trash nella casa, fuga degli sponsor

Dopo quindici edizioni, il Grande Fratello sembra aver stufato persino gli sponsor della trasmissione, se si condivide l’analisi che Anna Lupini fa nel video proposto da Repubblica.

Continua a leggere Grande Fratello 15: trash nella casa, fuga degli sponsor

Moro, sondaggio tra studenti: “La metà non sa chi sia”. E su Impastato…

I ritratti in bianco e nero di Aldo Moro e Peppino impastato
Ritratti in bianco e nero di Aldo Moro e Peppino impastato

Ieri avevo deciso di non parlare del rapimento di Aldo Moro o dell’omicidio di Peppino Impastato: un po’ perché ne avevo già parlato in passato, un po’ perché preferisco parlare di vita. Tuttavia, ci sono ricorrenze che fanno notizia anche a distanza di quarant’anni.

Continua a leggere Moro, sondaggio tra studenti: “La metà non sa chi sia”. E su Impastato…

Risponde al cellulare durante la TAC

La TAC della paziente mentre risponde al cellulare
La TAC della paziente mentre risponde al cellulare

Avevo previsto di pubblicare l’articolo della notizia letta sull’ANSA sabato, ma ho avuto problemi di connessione, perciò recupererò oggi. In breve: una signora si è rivolta al Pronto Soccorso dell’Ospedale Cardarelli di Napoli accusando i sintomi di un’emicrania. I medici decidono di sottoporre la paziente ad una TAC. Nel corso dell’esame, il cellulare della signora squilla…e lei risponde.

Continua a leggere Risponde al cellulare durante la TAC

Ti racconto l’altra Milano, oltre i grattacieli

Immagine d'apertura dell'articolo "Ti racconto l’ altra Milano, oltre i grattacieli"
Immagine d’apertura dell’articolo “Ti racconto l’ altra Milano, oltre i grattacieli”

Tra venticinque aprile e primo maggio,  è un po’ che non scrivo sul blog. Non che me ne sia passata la voglia, ma l’articolo di Emanuele Coen  non è un racconto: è uno spaccato della Milano attuale su cui ho dovuto riflettere.

Continua a leggere Ti racconto l’altra Milano, oltre i grattacieli

A volte ti arrendi, non perché ti penti del dolore…

A volte ti arrendi, non perché ti penti del dolore che hai vissuto, ma perché ti accorgi di meritare almeno l'amore che hai dato
A volte ti arrendi, non perché ti penti del dolore che hai vissuto, ma perché ti accorgi di meritare almeno l’amore che hai dato

 

Tutti nella vita prima o poi proviamo dolore: triste a dirsi, ma è così. Credo sia per questo che non ci pentiamo mai di averlo provato. Lo scrittore di aforismi  Vincenzo Cannova deve saperlo bene, visto che ha scritto su Twitter

A volte ti arrendi, non perché ti penti del dolore che hai vissuto, ma perché ti accorgi di meritare almeno l’amore che hai dato

Continua a leggere A volte ti arrendi, non perché ti penti del dolore…

A chi risponde sempre sono stanco …

Animale stanco che si riposa sul tronco di un albero
Pantera nera stanca che si riposa sul tronco di un albero

Pochi minuti fa, mi sentivo un po’ stanco ed ho digitato su Google la chiave di ricerca sono stanco. Dalla ricerca sono risalito ad un articolo dell’Huffington Post.

Il titolo è già esplicativo di suo

A chi risponde sempre “Sono stanco” alla domanda “Come stai?”

Riassumendo, le persone che dicono di sentirsi stanche potrebbero essere depresse. Cosa che non traspare, invece, è che chiunque sia in questo stato ha buoni motivi per sentirsi stanco e depresso.

Il motivo è pazzescamente semplice ed evidente: molti di noi danno molto di più di quanto ricevono, ma nessuno se ne rende conto. Logico che, a lungo andare, qualcuno possa affaticarsi e sentirsi stanco.

Gli amici di queste persone sicuramente ne apprezzano la disponibilità, la pacatezza o qualunque altra caratteristica. Tuttavia, non si rendono conto della fatica che può portare un comportamento del genere.

Sto parlando, in linea generale, di chi ha un carattere buono: chi crede (o spera) che i suoi sforzi siano – se non premiati – quantomeno riconosciuti da chi gli sta intorno.

Il ragionamento di noi buoni si basa su qualche punto

  1. Crediamo che i nostri sforzi siano sempre e comunque riconosciuti
  2. Pensiamo che ne riceveremmo gratitudine e saremo ricambiati in qualche modo
  3. Siamo convinti che – nonostante tutto – fare il proprio dovere ed aiutare gli altri siano buone cose

A volte, non dedichiamo tempo nemmeno a noi stessi: ci sembra già un miracolo poter spegnere la luce senza pensieri quando è ora di andare a letto.

Non è un caso che abbia scelto l’immagine di una pantera nera per rappresentare queste sensazioni. Ognuno di noi persone buone è molto combattivo, ma lo fa in modo stancante. Ogni tanto, ci piacerebbe che qualcuno ci inviti a riposare.

Considerando la descrizione che vi ho fatto e che fa anche l’articolo dell’Huffington Post, vi consiglio di andare a fondo della questione, quando la risposta più frequente di una persona è  Sono stanco

Il Pulitzer a Kendrick Lamar è importante

Ritratto di Kendrik Lamar,, vincitore del Premio Pulitzer per l'album DAMN
Ritratto di Kendrik Lamar, vincitore del Premio Pulitzer per l’album DAMN

Prima che vincesse il Premio Pulitzer, non conoscevo Kendrick Lamar: il rap mi piace ma, per apprezzarlo, devo capire immediatamente il testo … e in inglese non è semplice.

Continua a leggere Il Pulitzer a Kendrick Lamar è importante

E’ morto il sergente Hartman

Quando ho letto la notizia della morte di Ronald Lee Ermey, il Sergente Hartman di Full Metal Jacket, è come se l’articolo di oggi fosse già dentro di me. Devo solo battere i tasti per trasferire il tutto dal dentro al fuori.

Continua a leggere E’ morto il sergente Hartman

Hacker eliminano il video di Despacito

Un frame del video caricato dagli hacker al posto di "Despasito"
Un frame del video caricato dagli hacker al posto di “Despasito”

Leggendo l’articolo pubblicato sul sito della rivista Rolling Stone relativo agli  hacker che avevano sostituito il video della canzone Despacito con altri di loro gradimento, sono saltato sulla sedia!

Continua a leggere Hacker eliminano il video di Despacito

Addio a Fabrizio Frizzi e Cesare Cucchi

Un tweet di addio a Fabrizio Frizzi
Tweet postato dall’utente Punto Lettura sulla morte di Fabrizio Frizzi

Ci sono persone di cui non siamo amici, ma di cui potremmo definirci tali e a cui sembra impossibile dover dire addio.

Queste persone ci tengono compagnia durante le serate trascorse a casa guardando la televisione o tutte le mattine dietro la cassa di una pasticceria, non importa se attendiamo l’ora di entrare in ufficio o l’inizio della messa. Due di queste persone ci hanno lasciato nelle ultime quarantotto ore. Continua a leggere Addio a Fabrizio Frizzi e Cesare Cucchi