Superbowl 2018 : Aquile contro patrioti

Un momento del superbowl
Un momento del superbowl 2018 Egles – Patriots

 

Ci sono notizie sportive che i giornalisti riportano solo per dovere di cronaca, ma che agli italiani non importano granché. Penso che tutti noi abbiamo saputo solo casualmente che gli Eagles di Philadelphia hanno battuto i Patriots del New England con il risultato di 41 a 33 nel Superbowl 2018.

Continua a leggere Superbowl 2018 : Aquile contro patrioti

27 gennaio: Giorno della Memoria

Il 27 gennaio è il giorno della memoria
Pietra d’inciampo dedicata a Margot Frank

Esistono ricorrenze che vorresti non esistessero: il 27 gennaio, giorno della memoria ,è una di queste. Anche se:

è doveroso parlarne: se non lo si facesse, certe ricorrenze rischierebbero di essere dimenticate. Anche a scuola, se ci pensate bene, si fa lo stesso: molti insegnanti delle superiori adottano fra i testi scolastici Se questo è un uomo, di Primo Levi, a prescindere dal cambio di classe. Forse molti studenti hanno letto questo libro, ma se ne sono dimenticati, così come oggi si dimenticano di questa ricorrenza

Continua a leggere 27 gennaio: Giorno della Memoria

Qui abitava Angelo Fiocchi

PietraInciampoAngeloFiocchiMilanoDanneggiata
Pietra d’inciampo dedicata ad Angelo Fiocchi sfregiata dai vandali

Per celebrare il Giorno della Memoria, avevo deciso di scrivere un post in tema il prossimo 27 gennaio: a causa della notizia che riportano tutti i giornali sono costretto ad anticipare il tutto.

Continua a leggere Qui abitava Angelo Fiocchi

Ligabue racconta l’album “Made in Italy” sul set

Prima di scrivere questo articolo, mi sono premurato di ascoltare l’album Made in Italy in ordine di traccia: solo in questo modo si può apprezzare completamente il lavoro di Luciano Ligabue. Del resto, come dice lo stesso cantautore, questo non è un album, è una storia

Il video dell’intervista rivela una cosa interessante: l’album non era nato immediatamente con l’intenzione di farne un film. Invece, lo sarà, è vedrà tra i protagonisti Stefano Accorsi (che ha già lavorato con il Liga ai tempi di Radiofreccia) e Kasia Smutniak.

Continua a leggere Ligabue racconta l’album “Made in Italy” sul set

Ti ho vissuta sempre come un sogno…

Giuliano a Dolores: "Ti ho vissuta come un sogno"
Ritratto in e nero di Dolores O’Riordan e Giuliano Sangiorgi che si abbracciano

Il post di oggi è difficile da scrivere, perché riguarda la morte di Dolores O’Riordan: vorrei solo che fosse un brutto sogno. Scrivere della morte è già difficile, scriverne a caldo ancor di più: si rischia di essere asettici o banali.

Tra le migliaia di frasi trovate su Facebook spicca quella di Giuliano Sangiorgi

Continua a leggere Ti ho vissuta sempre come un sogno…

‘Duets’ è disco di platino

Copertina dell'album "Duets" di Cristina D'Avena
La copertina dell’Album “Duets”

 

Parlare dell’inizio dei saldi, per un blog come questo, sarebbe insensato: per quanto utile all’economia, è solo un aumento degli scambi commerciali a cui siamo abituati ogni anno. Niente che resti nel corso del tempo.

Ecco perché scegliendo la notizia a cui voglio dare risalto oggi ho scelto

‘Duets’ è disco platino

Continua a leggere ‘Duets’ è disco di platino

Il cuoco e la legge del buon cuoco

Primo Piano del cuoco Gualtiero Marchesi
Primo Piano dello chef Gualtiero Marchesi

Sembra strano dover parlare di una morte del cuoco Gualtiero Marchesi in un periodo come questo. Del resto, il legame fra vita e morte resta indissolubile: credo che sia questo il primo messaggio che ci ha lasciato la notizia della scomparsa  del primo cuoco di una certa fama che io ricordi.

Continua a leggere Il cuoco e la legge del buon cuoco

Secondo te, cosa le farebbe piacere?

FerroStiroGrembiuleBraccialePandora
La campagna pubblicitaria Pandora sulla metropolitana di Milano

Visitando questo blog, avrete sicuramente notato come io trovi in un messaggio qualsiasi dei significati ulteriori a quelli espliciti, almeno secondo me.

Tuttavia, quando ho letto la notizia

Regali di Natale, un ferro da stiro o un bracciale? Polemica a Milano sulla pubblicità nel metrò

Sulle pagine del quotidiano La Repubblica non credevo ai miei occhi. In breve: un gruppo di donne dedite al burlesque si è sentita offesa dalla pubblicità Pandora che campeggia nelle stazioni della metropolitana di Milano in questi giorni.

Essendo uomo, forse non sono la persona adatta per commentare, ma ci proverò comunque.

Mi piace immaginare che il pubblicitario abbia letto il mio articolo del 13 novembre scorso, declinando il messaggio agli scopi commerciali. Per come è stato composta, la pubblicità si rivolge ad un pubblico maschile: alzi la mano il primo uomo che non stia pensando in questi giorni ad un regalo per la propria donna, sia essa

  • Sua madre
  • Sua moglie
  • Sua nonna

Provando a declinare lo stesso messaggio per rivolgerlo al pubblico femminile, si potrebbe dire

Un computer, una valigetta, un pigiama, una sciarpa, un Apple Watch

Secondo te cosa gli farebbe piacere?

Spero che la Apple non se la prenda per averla citata nell’esempio: è il primo prodotto che mi è venuto in mente. Non sono un veggente, ma mi piace immaginare che lo spirito cameratesco maschile avrebbe portato tutti a farsi una grassa risata….e magari a scrivere una letterina a Babbo Natale per avere un determinato orologio nuovo.

Ho preso una bella botta, ma tengo duro…

Ho preso una bella botta, ma tengo duro
Le dita della Iena Nadia Toffa fanno il segno di Vittoria sul letto dell’Ospedale San Raffaele di Milano

 

Il titolo del post di oggi non è l’inizio  nè di un aforisma, nè di un proverbio o di una frase qualsiasi, ma le prime parole del messaggio postato su Facebook dalla Iena Nadia Toffa  dalla camera dell’Ospedale San Raffaele di Milano dove è ricoverata a seguito del malore (o la botta, come la chiama lei) che l’ha colpita.

Continua a leggere Ho preso una bella botta, ma tengo duro…