Pensa ad Aretha – Think

Stando alle ultime notizie dell’ANSA e di altri siti, Aretha Franklin  sarebbe ricoverata a Detroit e la sua vita sarebbe appesa ad un filo. Un blogger come me, in questi casi, pensa sempre a come omaggiare una regina nell’augurio che si riprenda.

Continua a leggere Pensa ad Aretha – Think

Sono qui senza te

Quando ho letto il testo di Here without you, non ho pensato subito alla classica situazione in cui il cantante dei 3 Doors Down  cerca di sfogare il dolore per aver perso la sua amata dopo un rapporto più o meno lungo, senza avere la possibilità di affrontare l’altra parte direttamente.

Continua a leggere Sono qui senza te

Benvenuto nella mia vita/Welcome to my life

Il video della canzone “Welcome to my life” (Welcome to my life)

Il titolo del post di oggi può ingannare: ovviamente, non è il primo messaggio di questo blog, di quelli in cui si dà il benvenuto ai pochi utenti che (per caso, o perché amici  del blogger) leggono il primo articolo proposto.


Continua a leggere Benvenuto nella mia vita/Welcome to my life

Canzone d’amore indipendente

A volte una canzone nasce come indipendente fin dal titolo, salvo poi diventare commerciale per altri motivi.

È il caso di Indepent love songdiventata colonna sonora di una famosa pubblicità degli anni novanta, in cui un’avvenente signora scendeva come una ragazzina delle elementari il corrimano di una scala con in mano un bicchiere di una famosa bevanda.

Continua a leggere Canzone d’amore indipendente

November rain viene vista 500.000 volte al giorno

Ci sono cose che facciamo più volte al giorno, come tante altre persone.  Tra queste, secondo la notizia pubblicata sul sito di Virgin Radio, ci sarebbe quella di ascoltare November Rain dei Gun’s’Roses, canzone che raggiunge le 500.000 visualizzazioni al giorno.

La domanda è

Dov’è la notizia?

La risposta è

La notizia non c’è

Al massimo, può essere una curiosità degna del Guinness dei primati come Canzone più vista su Youtube.

Difficile stabilire quante persone abbiano la possibilità di accedere ad internet con la stessa libertà a cui noi siamo abituati ma, anche solo considerando gli abitanti del primo mondo, li considero numeri non certo esorbitanti.

Ammettiamolo: cinquecentomila visualizzazioni possono sembrare moltissime per un singolo contenuto di un singolo sito ma, se le rapportiamo alla totalità dei contenuti della rete, non sono nulla.

Lo stesso vale per le persone: fatta eccezione per i Premi Nobel e per chi ha lasciato qualcosa ad imperitura memoria , molte delle cose che facciamo sono abbastanza comuni.

Questo blog ne è l’esempio. Certo, i contenuti sono originali (altri parlerebbero di cose diverse o scriverebbero con uno stile diverso), ma avrete visto un blog qualsiasi milioni di  volte.

Troppe volte, invece, il più infimo dei cuochi si paragona a Gualtiero Marchesi: caro amico, lui era una leggenda della cucina, tu no. Per quanto bravo, tu sei solo uno dei tanti cuochi che tante volte hanno proposto le proprie ricette.  Non è necessario vantarsi per una cosa che fanno in tanti.

In teoria, solo le persone con una certa fama potrebbero vantarsi; ironia della sorte, non lo fanno quasi mai, ma dimostrano umiltà.

motivi di questa diversità di comportamento sono diversi e dipendono molto dal carattere. Tutte le volte in cui, però, una persona mi sembra si vanti troppo, io diffido: ha la presunzione di sentirsi arrivato, non l’umiltà di dire che può ancora imparare qualcosa.

Pensate ai Guns: dopo November Rain hanno continuato a scrivere canzoni, non si sentivano certo arrivati

Cinquant’anni fa si sentiva la gente cantare

Immagine sulla vita Cinquant'anni fa
Cinquant’anni fa si sentiva la gente cantare. Cantava il falegname, il contadino, l’operaio, quello che va in bicicletta, il panettiere. Oggi hanno smesso. La gente non canta e non racconta più

Data la mia età, non posso sapere in prima persona come fosse la vita cinquant’anni fa: come molti di voi, devo accontentarmi dei racconti altrui.

Continua a leggere Cinquant’anni fa si sentiva la gente cantare