Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori…

Frase di Marilyn Monroe
Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare.

Nel corso della vità si incontrano molte persone, ognuna delle quali ha una diversa opinione su di noi. In linea generale, possiamo riassumerle in tre categorie:

  • Le persone che credono di essere inferiori a noi
  • Le persone che credono di essere come noi
  • Le persone che credono di essere superiori a noi

A questo ultimo gruppo, Marilyn Monroe dedicò la sua frase

Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare.

Conosciamo tutti la tragica fine di Marilyn…ma pensiamo a quanto accadde negli anni precedenti: una delle dive più osannate dalla folla tanto da essere ricordata tutt’0ggi.  Una situazione del genere, potrebbe portare molti di noi alla folle condizione di pensare veramente

Sono il migliore!

Mi spiace deludervi: pochissimi di noi finiranno nei libri di storia! La maggior parte sarà ricordata sicuramente dai propri famigliari…fin quando loro saranno in vita. Cosa accadrà dopo? Ve lo lascio immaginare.

Sapendo che un giorno dovremo morire, non è forse giunto il momento di dedicare il tempo che ci resta per migliorarci? Come dice Marilyn,

Si può sempre fare

 

Fai in modo che la felicità sia il tuo unico vizio

 

Frase di Marilyn Monroe
Fai in modo che la felicità sia il tuo unico vizio

Oggi la mia amica Linda ha pubblicato sulla sua pagina Facebook  una frase di Marilyn Monroe

Fai in modo che la felicità sia il tuo unico vizio

Trovo tragicamente buffo il nesso fra il pensiero di stasera e quello di John Lennon che proposi tempo fa: due artisti che si passarono idealmente il testimone predicarono la felicità, ma morirono in circostanze tragiche dopo aver vissuto un enorme successo. Letto tutto di un fiato, fa un certo effetto, non trovate?

Sulla parola vizio in questo contesto si potrebbe scrivere una tesi: l’ossimoro è piuttosto evidente. Le domande che potremmo porci sono tutt’altro che scontate:

  1. La felicità è un vizio?
  2. Più viziati significa anche più felici?
  3. Meglio conformarsi alle regole o inseguire la felicità?

Ognuna di queste domande riassume il dibattito politico di qualsiasi epoca.

Come spesso accade, ci preoccupiamo troppo presto del futuro: meglio concentrarsi sul presente, facendo tesoro di quanto impariamo giorno per giorno.