La Pasqua al tempo delle intolleranze

Assieme alle Feste Natalizie, il periodo pasquale è quello a cui si pensa di più al cibo, almeno in Italia. Un tempo non ci saremmo fatti grandi problemi: sappiamo tutti quale sarebbe un tipico menu pasquale italiano. Purtroppo, tra diete vegane ed intolleranze sempre più presenti, la tradizione sembra essere andata a farsi friggere o, considerando il periodo, a farsi benedire.

Continua a leggere La Pasqua al tempo delle intolleranze

Su, che è quasi Pasqua, fra un po’ …

Una delle prime vignette sulla Pasqua 2018
Su che è quasi Pasqua, poi arriva l’estate…Buon 2019
Il prossimo primo aprile, oltre al tradizionale pesce, si festeggerà la Santa Pasqua. La pagina Facebook Gufetto Stronzetto ce lo ricorda a modo suo con la frase
Su che è quasi Pasqua, fra un po’ arriva l’estate poi riaprono le scuole e senza che te ne accorgi arriva pure Natale

Continua a leggere Su, che è quasi Pasqua, fra un po’ …

Solo perchè qualcuno è morto, non vuol dire che…

Solo perchè qualcuno è morto, non vuol dire che se ne sia andato
Solo perchè qualcuno è morto, non vuol dire che se ne sia andato

Questa mattina mi sono risvegliato con in testa solo una cosa l’immagine della locandina del film Gothika del 2003 con Halle Berry, Robert Downey Jr. e Penelope Cruz.

Acquistai il DVD del film perchè attratto dalla frase sulla locandina, che potete leggere sotto il braccio sinistro della Berry

Solo perchè qualcuno è morto, non vuol dire che se ne sia andato

Se unite l’immagine alla frase, forse vi verrà in mente qualche altra associazione mentale oltre alla morte. Personalmente, penso all’angoscia e alla solitudine che si prova quando non ci sentiamo capiti…e non è necessario essere pazzi come nel film che ho citato.

Se pensate che il non essere capiti dalla maggioranza delle persone equivale, se non ad essere pazzi, quantomeno ad avere problemi psicologici, vi sbagliate di grosso!

Se è vero che viviamo tutti sotto lo stesso cielo, per usare un modo di dire che può non piacere ma che rende l’idea, è anche vero che ognuno di noi valuta il mondo secondo il proprio vissuto. Chi ha avuto una vita grama in passato, è molto probabile che valuti il proprio presente ed il proprio futuro con un’ottica più negativa di chi ha avuto più fortuna.

Questo può portare

  • Litigi
  • Rotture
  • Incomprensioni

In qualsiasi rapporto abbiate intessuto in passato, amicizia inclusa. Pensate ad una persona che incita l’altra a vedere le cose con maggiore positività: è solo un consiglio, ma probabilmente il ricevente del messaggio non si sentirà compreso.

A volte mi domando

Si possono sistemare le cose in questi casi?

Non ho ancora trovato una risposta definitiva: di certo, come nella frase che vi ho proposto, possiamo considerare morta (psicologiamente parlando,ovvio) un nostro amico passato, ma non è come se non ci fosse mai stato.

Non so se faccia più paura il fatto che il 2010 sia stato 7 anni fa o che sarà il 2020 tra 3 anni

Frase dal web
Non so se faccia più paura il fatto che il 2010 sia stato 7 anni fa o che sarà il 2020 tra 3 anni

Come avete potuto vedere, nei miei articoli parlo spesso del tempo: forse perché – consciamente o meno – mi fa paura il fatto che scorra così velocemente. Oggi mancano esattamente centoquattordici giorni al Veglione di San Silvestro: non mi direte che non avete già cominciato ad organizzarlo?

Scherzi a parte, come dice la frase che ho trovato sulla pagina Facebook Hello vodka, goodbye dignity

Non so se faccia più paura il fatto che il 2010 sia stato 7 anni fa o che sarà il 2020 tra 3 anni

La cosa risulta tragicamente assurda perché

  1. Considerando un singolo giorno, il tempo scorre molto lentamente
  2. Considerando periodi più lunghi, scorre molto velocemente

Per fare un esempio: ho scritto l’ultimo articolo del blog prima delle ferie il 20 agosto, ma mi sembra di averlo scritto ieri.

La vita corre velocemente e può sembrarci di non sfruttarla appieno. Tuttavia, basta fare un piccolo esercizio: basta pensare dove e come eravate un anno fa e come siete cambiati da allora. Se c’è qualcosa che non torna, di certo dovrete agire, ma sicuramente vi stupirete voi stessi del cambiamento.

 

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare

 

La comicità può essere vista anche come un modo per far riflettere sulle condizioni del mondo odierno e le cose che non vanno nella vita di ognuno di noi: è più semplice dire qualcosa ridendo che con il viso preoccupato.

E’ quanto hanno fatto John Landis e John Belushi molte volte, anche in Animal House inserendo la famosa battuta

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare

Occorrerebbe vedere quasi tutto il film per capire quanto sia vera questa frase: è sinonimo di non arrendersi mai.

A volte abbiamo bisogno di tempo per (ri)organizzarci, ma non possiamo stare fermi con le mani in mano troppo a lungo. Dopo vari tentativi, è giusto cambiare strada, meditando prima il da farsi.

È quello che sto facendo io in questo periodo: la mia psicanalista non sarà molto contenta quando mi rivedrà a settembre. I tentativi fatti finora non sono stati proficui.

Dovremmo prendere esempio dalla luna: ogni mese si rigenera. Il sole non è da prendere come punto di riferimento: non si arrende mai, difatti è presente anche quando non lo vediamo, come nei giorni di pioggia. Del resto, anche in Animal House tutto è preceduto da una riunione dei componenti della confraternita Delta.

 

 

 

Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

ValerePenaTrovareTutto
Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

Sono trascorsi solo tre giorni da quando ho pubblicato un articolo su un’immagine della pagina Facebook Vabbè: forse è un po’ presto per parlarne ancora, ma gli amministratori di quella pagina sono molto prolifici.

Il campo neutro lascia spazio alla frase

Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

Non sempre è facile individuare ciò per cui vale veramente la pena vivere: abituati così come siamo al nostro tranquillo ménage quotidiano fatichiamo a vedere delle alternative a ciò che abbiamo fissato in testa o sulla nostra agenda.

Siamo sicuri di una cosa: sappiamo che esiste un modo diverso di vivere la giornata, ma non sappiamo quale sia. Forse è la paura che ci blocca, ma non ce ne rendiamo conto.

Non credo che fissarsi sulla decisione di fare qualcosa di diverso sia producente: trovo più opportuno lasciare fare al caso, alla fatalità, al destino, all’inconscio…a quella cosa che (in qualunque modo vogliate chiamarlo) vi farà fare la scelta giusta.

Noi dobbiamo fare solo due cose:

  1. Prenderci il tempo di ascoltarci
  2. Essere aperti al cambiamento

Il secondo punto è la chiave del cambiamento che tanti cercano, ma che pochi trovano, a causa della loro chiusura mentale.

La mia psicanalista sosterrebbe che faccio parte dei tanti, ma credetemi che sto cercando di entrare nell’èlite dei pochi.

 

 

Una definizione molto bella del tempo

TempoLentoVeloceLetaleInfinitoLungo
Cerca sempre di godere del tuo tempo

Come da titolo, oggi ho trovato una definizione molto bella di tempo.

Più che di una sola definizione, stiamo parlando di sei definizioni diverse, a seconda di come percepiamo il tempo, che può essere

  • Lento
  • Veloce
  • Letale
  • Breve
  • Infinito
  • Lungo

La frase-cardine è un’altra

In ogni momento, la percezione del tempo è determinata dai tuoi sentimenti e dalle tue condizioni psicologiche, non dall’orologio. Quindi, cerca sempre di godere del tuo tempo.

Un concetto vecchio almeno quanto Steve Jobs, se avete mai sentito il suo discorso.

A tutti possono capitare momenti vuoti ma, se sono troppi o troppo lunghi, occorre modificare qualcosa: siamo noi che dobbiamo agire, in questo caso.

Personalmente, detesto la notte: se non si ha sonno, i pensieri si affastellano in testa e occorre aspettare il giorno dopo per agire…ammesso che vi ricordiate cosa avete pensato prima di addormentarvi.

Se proprio non riuscite a riempire la vostra vita, fate un elenco delle cose che vorreste fare e – giorno dopo giorno – portatele a termine. Riempirete il vostro tempo.

 

Abbi cura dei tuoi ricordi…

Frase di Bob Dylan
Abbi cura dei tuoi ricordi, perchè non puoi viverli di nuovo

Dopo aver dedicato un’articolo a Dario Fo, aspettavo con ansia che su internet apparisse una frase del Premio Nobel per la letteratura 2016, ovvero Bob Dylan.

Tralasciando il fatto che l’immagine – che a me ricorda un quadro pop, come è giusto che sia ricordato un cantante – ritrae l’artista in epoca giovanile, la stessa frase sembra riferirsi al passato.

Abbi cura dei tuoi ricordi, perchè non puoi viverli di nuovo

Un’invito implicito a vivere il presente? Certamente…Ma anche un invito a non dimenticare il passato. I ricordi ci possono aiutare soprattutto nei momenti bui,  facendoci pensare che:

  • Ne abbiamo già passate tante
  • Ci sono stati anche episodi positivi
  • Ciò che allora ci sembrava importante, si è poi rivelato ininfluente

Un simile modo di pensare può aiutarci a vedere il futuro come positivo.

Fluisci con i cambiamenti della vita. Non restare intrappolato in un tempo che non esiste più.

Frase di Swami Kriyananda
Fluisci con i cambiamenti della vita. Non restare intrappolato in un tempo che non esiste più.

Un dipinto di un rilassante scorcio lacustre fa da sfondo alla frase del maestro spirituale Swami Kriyananda

Fluisci con i cambiamenti della vita. Non restare intrappolato in un tempo che non esiste più.

L’immagine rimanda ad un momento di relax, durante il quale lasciamo che la mente vaghi ricordando il passato o immaginando un ipotetico futuro.

La vita è scandita da momenti che dividiamo grossolanamente in passato, presente e futuro. È una divisione sicuramente utile per gli studi storici, ma non per l’essere umano.

L’uomo deve vivere nel presente, non rimpiangere il passato o immaginare un ipotetico futuro. Sembra un’affermazione rischiosa, ma lasciate che vi faccia una domanda:

Quando è stata l’ultima volta in cui avete fatto dei progetti e tutto è andato assolutamente secondo i vostri piani?

Se riuscite a ricordarlo, tanto di cappello: avete una progettualità invidiabile. Tenete conto, però, che siete l’eccezione: nemmeno i ragionieri riescono a rispettare i buget annuali al centesimo…Figuriamoci se è possibile rispettare i progetti di una vita!

Quando ci si rende conto che il progetto di vita non è quello desiderato, occorre modificare le cose che possono essere cambiate: il resto verrà da sè.

La vita è una questione di equilibrio..

Frase di Buddha
La vita è una questione di equilibrio. Sii gentile, ma non lasciarti sfruttare. Fidati, ma non farti ingannare. Accontentati, ma non smettere mai di migliorarti.

Ho parlato spesso di vita nei miei post, ma non ne ho mai dato una definizione convincente.

Il fatto che nemmeno Buddha sia riuscito – in un certo senso – a definire la vita, mi rasserena.

La vita è una questione di equilibrio. Sii gentile, ma non lasciarti sfruttare. Fidati, ma non farti ingannare. Accontentati, ma non smettere mai di migliorarti.

Buddha ci consiglia come avere una vita serena, non la definisce. Semplificando all’estremo, dovremmo prestare attenzione alla nostra vita tanto quanto ne dovremmo prestare al nostro fisico.

Se ci pensate, il paragone è abbastanza calzante:

  • La medicina ci aiuta a prevenire e curare le malattie
  • Il movimento ci aiuta a rafforzare il fisico
  • La religione e la filosofia ci aiutano a curare e rafforzare l’anima

Nessuno – però – ci guida nella ricerca di una vita equilibrata. La domanda resta in sospeso: come si fa a trovare il giusto equilibrio? Non esistono ricette!

Credo che l’ingrediente principale sia il tempo. L’uomo ha sempre cercato di manipolare il tempo a proprio piacimento:

  • Cerca di prolungare l’esistenza dei propri simili sulla terra
  • Cerca di misurare in modo sempre più preciso lo scorrere dei secondi
  • Cerca di modificare lo scorrere del tempo tramite l’ora legale

L’unica cosa che non ha mai provato a fare è anche l’unica che dovrebbe fare: impiegare bene il proprio tempo.