Se vuoi realmente fare qualcosa troverai il modo…

Immagine dal sito "lefrasi.it"
Se vuoi realmente fare qualcosa troverai il modo. Se non vuoi veramente troverai una scusa

In questi giorni, ho deciso di ampliare la vostra partecipazione: attraverso un commento al blog, sulla mia pagina Facebook o citandomi su Twitter potete farmi conoscere

  • Frasi
  • Video
  • Canzoni
  • Immagini
  • Campagne pubblicitarie

di cui parlerò in questo spazio.

Manco a dirlo, è stata Consolata a propormi la frase di Jim Rohn

Se vuoi realmente fare qualcosa troverai il modo. Se non vuoi veramente troverai una scusa

 

Io ho solo scelto l’immagine proposta da lefrasi.it, perché a suo modo mi ricorda che – ogni tanto – dobbiamo attraversare la paura.

Credo normale che vi poniate la domanda

Cosa c’entra la paura con la frase?

La risposta è semplice: nella maggior parte dei casi, le scuse sono solo un motivo più o meno pratico per difendersi e non ammettere a sé stessi che abbiamo paura.

Per affrontare il problema, occorre fare un po’ di esercizio: per questo suggerisco sempre di cominciare dai piccoli passi.

Per esempio, quando ho cominciato a scrivere questo blog, non mi sono preoccupato del risultato finale. Questa apparente mancanza di strategia è stata la mia strategia. Era inutile preoccuparsi del risultato finale del blog tout court: un blog non è un libro che deve essere letto a capitoli. Per questo sembra che improvvisi ogni giorno in questo spazio. Ogni giorno scrivo un articolo, che è come un mattone di una casa.

Una volta che avete posizionato il vostro primo mattone, potete preoccuparvi del mattone successivo, e solo di quello. Qualunque sia il problema che vi preoccupa, affrontatelo un passo alla volta, non tutto insieme.

Archivia i "vorrei" inizia con i "posso"

archiviavorreiiniziaposso
Archivia i tuoi “vorrei” e inizia con i “posso”

La frase di stasera è la pubblicità della pagina Facebook La filosofia del cambiamento

Archivia i tuoi “vorrei” e inizia con i “posso”

 

Un po’ l’assonanza, un po’ il fatto che si tratta di un messaggio pubblicitario mi fa ricordare il mio post del 31 maggio scorso.

Mi domando e vi domando: è un messaggio incoraggiante?

La mia risposta è: dipende!

Non voglio tediarvi con il solito discorso che ogni persona è diversa dall’altra (anche se resta comunque vero). Piuttosto, voglio farvi una seconda domandasappiamo sempre cosa vogliamo veramente?

Se la mia psicanalista leggesse queste righe, risponderebbe

Inconsciamente, sì

Putroppo, sono le prime due lettere che ci fregano: fare emergere l’inconscio non è un gioco da ragazzi! Quello che crediamo di sapere è solo la punta dell’iceberg. Agire d’impulso o basandosi su pochi dati (a meno che non siate in pericolo) raramente porta buoni risultati.

Inoltre, c’è un secondo, piccolissimo problema…per fortuna: non siamo mai soli! Se una persona vi è amica, sicuramente vi darà un buon consiglio.

Io rivoglio la mia vita…!

Parlo così spesso di vita sul mio blog, tanto da inserire sempre questa parola tra i tag di ogni articolo.

Ognuno ha una propria vita, questo è ovvio. Un po’ meno ovvio è ciò che canta Lighea .

A volte la nostra vita ci sfugge di mano, perchè condizionati da eventi esterni ed opinioni altruialla ricerca di una vita perfetta.

Basta leggere il testo per capire un concetto che riassumerei con la frase

Spesso ciò che è considerato bene non è ciò che ci fa stare bene

A volte, immaginiamo una vita diversa semplicemente cambiando qualche abitudine:

  • Cambiamo frequentazioni
  • Cambiamo lavoro
  • Cerchiamo di adottare uno stile più sano

Pensando ai vantaggi che avremo in futuro. Così facendo, facciamo un errore: cerchiamo un cambiamento di vita radicale, senza distinguere fra ciò che ci fa stare bene da ciò che ci fa stare male.

La verità è un’altra: i cambiamenti avvengono ogni giorno, senza che ce ne accorgiamo. Basta solo seguire un po’ di più l’istinto.