Acciaio – Made in London

Non è un segreto che ho sempre amato Milano: non la considero una città, né una metropoli. Un po’ più romanticamente, la considero una bella donna con un carattere d’acciaio che vuole essere trattata con rispetto.

Ogni città ha i suoi difettiMilano non fa eccezione. Sembra che renda le persone più fredde e distanti fra loro.  Ma è veramente così?

Non so quanto Noemi abbia frequentato Milano, ma sembra che parli proprio dei milanesi: persone che possono apparire un po’ fredde, semplicemente perché vogliono mostrare agli altri di essere tenace. In realtà, basta frequentarci per un po’ per capire che non siamo così duri come vogliamo apparire.

Forse la gente di tutto il mondo è così: bisognosa di affetto, e che considera sbagliato mostrare agli altri questa necessità. Per farlo, il tempo trasforma molti di noi in acciaio.

La metafora rende bene l’idea: il carattere e l’acciaio si temprano con il tempo.

Quando diventiamo adulti, disimpariamo a mostrare le nostre emozioni: è uno dei danni che fanno certe frasi come

Sii uomo!!!!

Nessuno ci ha insegnato a non vergognarci delle nostre emozioni e a mostrarle in un modo che potremmo definire opportuno. La vita, tuttavia, è fatta in gran parte di emozioni.

Provate ad immaginare una giornata qualsiasi in cui vi rendiate conto di non riuscire a provare un’emozione qualsiasi.

Quale è stato il risultato di tutto questo? Semplicemente uno: tendiamo a tenerci tutto dentro, fino a quando non scoppiamo!

Per fortuna, abbiamo una soluzione a portata di mano, o forse addirittura sette: l’arte. Dedicarsi ad una qualsiasi forma d’arte è il modo migliore per far uscire le proprie emozioni senza doversene vergognare ma, anzi, andandone orgogliosi.

Con il tempo, si dovrebbe riuscire a temprare il carattere in modo da mostrare sia le emozioni, sia i risultati artistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.