Casco “Whish you were here” di Valentino Rossi

Casco di Valentino Rossi con la copertina di "Whish you were here" dei Pink Floyd
Valentino Rossi ha fatto realizzare un casco con la riproduzione della copertina dell’album “Wish You Were Here” dei Pink Floyd per ricordare Simoncelli nella gara di Misano. Adesso sappiamo che è un campione anche in fatto di gusti musicali

Lo sport professionistico è un ambiente strano: porta lo spettatore a considerare la rivalità sportiva e non l’amicizia che possa esserci fra due atleti.  Se si tifava Fausto Coppi, difficilmente si poteva nutrire simpatia per Gino Bartali.

L‘immagine proposta da il rock è la migliore musica del mondo contraddice le supposizioni sull’ambiente sportivo

Valentino Rossi ha fatto realizzare un casco con la riproduzione della copertina dell’album “Wish You Were Here” dei Pink Floyd per ricordare Simoncelli nella gara di Misano. Adesso sappiamo che è un campione anche in fatto di gusti musicali

La musica, invece, parla di sentimenti, idee politiche o di ciò che volete e non è raro che due o più musicisti

  • Suonino insieme da tempo immemore
  • Ricordino un amico scomparso nelle loro canzon

Anche se si pone l’accento sui gusti musicali di Valentino Rossi, non può non colpire il messaggio di amicizia nei confronti dello scomparso Sic.

Anche lo sport professionistico è un lavoro, è abbastanza ovvio. In ambito lavorativo siamo più propensi a parlare di colleghi, non di amici…eppure parliamo di persone con cui dobbiamo relazionarci forzatamente per la maggior parte della nostra giornata per lunghi anni.

Trovo normale che, nel tempo trascorso assieme, possa scappare qualche confidenza: perché non approfittarne per approfondire i rapporti?

Le motivazioni che più spesso sento sono due:

  1.  Siamo qui per lavorare, non per fare amicizia
  2. Non frequenterei mai questa persona fuori dall’ambiente lavorativo

Non sapete  su quante persone ho cambiato opinione frequentandole fuori dall’ufficio: lo stress delle giornate non aiuta certo ad avere una relazione amichevole….ma bastavano quattro chiacchiere davanti ad un caffè per scoprire un nuovo amico.

Prima di questo passo, però, dobbiamo farne un altro: eliminare i preconcetti.

 

 

3 commenti su “Casco “Whish you were here” di Valentino Rossi”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.