Le persone vere spaventano…

Ritratto di Margherita Hack dalla pagina Facebook "Amicizia...quella vera"
Le persone vere spaventano. Per questo spesso rimangono sole. Perché sono sincere, sono oneste e quando vogliono dire qualcosa, lo dicono nel modo più vero che conoscono.

Nella mia visione limitata della vita, ho sempre considerato gli studiosi di materie scientifiche poco propensi ad interrogarsi sull’umanità.

Non posso negare la mia sorpresa quando ho letto sulla pagina Facebook Amicizia, quella vera una frase di Margherita Hack,  scienziata e atea

Le persone vere spaventano. Per questo spesso rimangono sole. Perché sono sincere, sono oneste e quando vogliono dire qualcosa, lo dicono nel modo più vero che conoscono.

Ciò dimostra che anche le persone più pragmatiche e fredde del mondo nutrono dei sentimenti: difficile non farsi fregare dall’impressione di un carattere poco socievole, ma è uno sforzo che dobbiamo fare.

Sulla seconda parte della frase, si dovrebbe aprire un capitolo a sé stante: molte volte Paola mi ha definito una persona vera.  Stando a quanto sostiene la Hack, ciò dovrebbe far supporre che io dica cosa pensi in modo diretto.

Prima di dire qualsiasi cosa a qualcuno, mi ricordo che:

  1. Ho davanti a me una persona
  2. Ogni persona ha un proprio carattere

Non posso sapere, perciò, come verrà interpretata la mia esternazione: la persona potrebbe offendersi o prendere sotto gamba il mio pensiero. Se parlo seriamente, cerco di usare il classico pugno di ferro in guanto di velluto: parlare con tono deciso, ma calmo.

Quanti nemici mi sono fatto per questo motivo? Tanti, forse troppi. Spesso ci rimango male, ma poi ripenso a quanto mi hanno fatto soffrire e a quante persone sono rimaste al mio fianco, nonostante tutto.

Allora comincio a sorridere.

4 commenti su “Le persone vere spaventano…”

  1. Grande donna la Hack!
    Anche io, come te, cerco di usare tatto e delicatezza con le persone che mi trovo di fronte (cosa che parecchie persone non fanno) però comunque dico ciò che penso.
    Credo che l’importante è il modo in cui le cose vengono dette perché si può dire tutto ma con le giuste maniere.

    1. SiamoDeModa, concordo con te. Parlando in generale, credo che la delicatezza sia una dote che hanno poche persone, non un modo di relazionarsi con gli altri “comunemente accettato”.
      Capisco che la rabbia possa portare a discussioni e a perdere il controllo, ma ci sono persone che sembrano perennemente arrabbiate col mondo…

      1. Esatto, oppure persone che sembra proprio che vogliano ferire le persone…Sapessi quante volte mi è capitato di essere nel mezzo di una conversazione tra più persone, e una delle persone (che mi conosceva benissimo) non si è proprio riguardata a parlare di cose che sapeva mi avrebbero addolorato tantissimo…:-( è così brutto…

Rispondi