La depressione è una sabbia mobile che risucchia chi ne è colpito

 

Immagine dalla pagina Facebook "Non siamo soli"
La depressione è una sabbia mobile che risucchia chi ne è colpito. Fuori c’è un mondo di fantasmi e ombre inafferrabili. Dentro c’è un nulla che rende ciechi e sordi.

Come ho detto in vari post, sto affrontando un percorso psicoanalitico. La pubblicità trovata oggi sulla pagina Facebook Non siamo soli non poteva lasciarmi indifferente.

Non so chi siano l’uomo e la donna raffigurati in questa immagine in bianco e nero: di sicuro, hanno optato per una resa monocromatica che ben descrive il grigiore che vivono le persone depresse.

Il giallo della parola depressione richiama sicuramente un messaggio di speranza.

La frase è sicuramente altrettanto descrittiva

La depressione è una sabbia mobile che risucchia chi ne è colpito. Fuori c’è un mondo di fantasmi e ombre inafferrabili. Dentro c’è un nulla che rende ciechi e sordi.

Le persone che si trovano a convivere con gente depressa non sa che fare, a seconda dei casi:

  • Sa che deve consultare subito uno specialista
  • Spera che sia una fase passeggera
  • Non si rende conto del cambiamento di chi soffre
  • Cerca di scuotere a suo modo chi soffre

Il brutto di questa malattia è che spesso persino chi ne soffre sa motivare il motivo per cui si senta così. Sa solo che è diventato cieco e sordo, per riprendere il messaggio. A poco servono gli sproni e le parole di chi gli sta accanto: occorre una terapia più mirata.

Non sto parlando solo di una cura farmacologica o psicologica: sto parlando di quell’empatia e di quella conoscenza del prossimo che dovrebbero avere tutti nel mondo, ma di cui pochi sono dotati.

Non so se ho ragione ma, secondo me e come ripeto da tempoascoltarsi reciprocamente di più sarebbe una buona cura, ma siamo troppo presi da noi stessi per renderci conto che non siamo soli.

 

 

Annunci

Autore: polettimatteo

Un copywriter freelance con la passione della fotografia

2 thoughts on “La depressione è una sabbia mobile che risucchia chi ne è colpito”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...