Oggi sono sei anni che domattina vado a correre

Domattina si va a correre
Oggi sono sei anni che domattina vado a correre

 

Durante la giornata lavorativa e quando ci occupiamo della casa siamo abituati a correre da una parte all’altra. Il risultato è che abbiamo sempre meno tempo per noi stessi.

Ovviamente, non è con questa accezione che la frase 

Oggi sono sei anni che domattina vado a correre

condivisa dalla pagina Facebook Filosofia Spicciola usa il verbo correre: lo intende come praticare il relativo sport. Il significato è presto trovato: sappiamo cosa dovremmo o potremmo fare per migliorare la nostra vita, ma procrastiniamo.

Sarebbe troppo semplicistico dire che procrastiniamo per semplice pigrizia. Io trovo che ci siano anche altri motivi. Tra le cause principali, credo che ci siano

  1. I doveri quotidiani
  2. La stanchezza
  3. I doveri futuri

Immaginate un qualsiasi giorno infrasettimanale, cioè quelli che, per la maggior parte delle persone,  vanno da lunedì a giovedì. Sono quelli in cui siamo stanchi ed in cui sappiamo che la mattina dopo dobbiamo svegliarci presto per andare al lavoro. Questi due pensieri non fanno che farci desiderare di andare a letto presto, distogliendo tempo alle passioni.

Se non avete la fortuna di addormentarvi non appena toccate il guanciale, passerete un po’ di tempo rigirandovi fra le coperte in attesa di prendere sonno.

Voglio farvi una domanda un po’ provocatoria

Non sarebbe meglio trascorrere quelle ore insonni facendo qualcosa che ci faccia stare bene?

Immagino che la vostra risposta sia sicuramente affermativa. Paradossalmente, anche per rilassarci un po’ dobbiamo ricorrere ad un po’ di impegno: non dobbiamo farci vincere dalla pigrizia! Spesso lo stress accumulato nella giornata ci fa sentire molto stanchi. Personalmente, mi sono reso conto recentemente che mi basta un riposino di una trentina di minuti per risolvere questo inconveniente.

Una volta recuperate le forze, almeno quel tanto che basta per non sentire troppo la stanchezza, è semplicemente una questione di voglia.

 

Rispondi