Sfide mondiali – meravigliosa creatura

La vita è piena di sfide. Lo sanno bene gli sportivi che gareggiano ogni volta contro avversari molto quotati come fecero i Campioni del mondo del 2006.

Chi non si ricorda le notti magiche di quell’estate? I pronostici erano contro la squadra allenata da Marcello Lippi . In pieno scandalo Calciopoli, le sfide per l’Italia calcistica capitanata da Fabio Cannavaro erano almeno due:

  1. Dimostrare di essere dei buoni atleti
  2. Provare che il mondo calcistico italiano era anche altro, non solo corruzione

Fu un omonimo di Cannavaro, che di cognome faceva Grosso, a vedersi dedicata la canzone Meravigliosa Creatura di Gianna Nannini  dalla trasmissione televisiva Sfide.

Non voglio fare leva sull’effetto nostalgia, sperando di qualificarci per i mondiali in Qatar e scoprire nuove persone da elevare a miti. Voglio solo farvi notare quanto sia importante fare squadra per vincere, sia per quanto riguarda le sfide di squadra, sia per quanto riguarda le sfide personali.

Una sfida personale è qualcosa che dobbiamo fare da soli, vero? Non è così: non pensiamo mai che dietro i nostri traguardi, sia quelli raggiunti che quelli falliti, c’è sempre un lavoro di squadra. Anzi, come dice Bebe Vio nella sua autobiografia, le squadre sono sempre più di una. Rubandole le parole, posso fare qualche esempio generico:

  1. La famiglia
  2. Gli amici
  3. I colleghi di lavoro

Mettersi l’uno contro l’altro è malsano e controproducente. Proprio per questo motivo vi invito a parlarvi e ad ascoltarvi di più: provare dell’astio nei confronti di qualcuno senza mettere le cose in chiaro rischia di minare il lavoro di squadra che facciamo ogni giorno, perché non siamo i soli al mondo.

Quando penso alle persone che vanno l’uno contro l’altro per ottenere un qualche tornaconto personale, penso anche alla solitudine che proveranno un giorno. Non è vendetta, ma penso che la squadra possa vincere tutte le sfide.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.