Non sta andando come pensavamo

Il tour di Ligabue non sta andando bene
Luciano Ligabue nella foto apparsa su “L’Huffington Post”

La notizia apparsa ieri su l’Huffington Post è ben riassunta dal titolo della notizia stessa

Ligabue ammette il flop del tour: “Non sta andando come pensavamo”

In breve, Ligabue avrebbe ammesso sul proprio profilo Facebook che l’affluenza di pubblico ai vari concerti del suo tour sta andando a rilento. Verrebbe semplicemente da pensare che le persone sono libere di scegliere come spendere i loro soldi e che, forse, il Liga non emoziona più come una volta.

A tutte le persone sarà capitato di procedere a rilento in un determinato periodo, nonostante tutto stia andando come al solito. La colpa è proprio questa: sta andando tutto come al solito. Come avrebbe detto Steve Jobs

Per gli ultimi 33 anni, mi sono guardato ogni mattina allo specchio chiedendomi: “Se oggi fosse l’ultimo giorno della mia vita, vorrei fare quello che sto per fare oggi?”. E ogni qualvolta la risposta è “no” per troppi giorni di fila, capisco che c’è qualcosa che deve essere cambiato.

 

Il tran tran di tutti i giorni ci dà quel senso di sicurezza che – alla lunga – stanca. Proprio a questo servono le ferie: a prendere un’altra direzione, almeno temporaneamente, per poi continuare a percorrere la via maestra. Questo è un buon metodo per riprendere con rinnovata energia.

Se usassimo il tempo delle ferie solo con lo scopo di riposarci, però, a fine anno ci ritroveremmo con lo stesso problema. Molto meglio cambiare strada o, per meglio dire, idea. A tutti noi capita di avere una vocina che ci spinge a cambiare qualcosa nella nostra vita, ma facciamo fatica ad ascoltarla, per poi chiedere alla vita stessa

Dove stiamo andando?

Probabilmente, per rispondere con le parole che userebbe la mia collega blogger Francesca, stiamo andando a sbattere. La soluzione è abbastanza semplice: non dobbiamo spaventarci quando ci si affaccia in testa un’idea che potrebbe rappresentare una novità. La paura che proviamo ha anche il suo sintomo: l’idea svanisce subito dalla nostra mente.

Invece, anche se dovremmo aspettare che riprenda l’autunno per metterla in pratica, perché sforzarsi di abbandonare l’idea di quel corso che vi interessava tanto? La scusa del poco tempo regge pochissimo: organizzandosi al meglio, il tempo lo troverete sicuramente.

Se il problema è rappresentato dalla paura che prova la persona al vostro fianco, coinvolgete anche lei: magari conoscerà nuove cose che gli piaceranno.

 

Rispondi