Tu hai visto la luce?

Come ci insegna la scena del film Blues Brothers che vi propongo, non tutti possono vedere la luce. Elwood Blues non riesce ad essere illuminato dalle parole del reverendo  Cleophus James, come invece capita al fratello Jake. Sarà Jake a fare predicare ad Elwood.

Non so se qualcuno di voi ha mai visto la luce in senso religioso della parola: di certo tutti voi avrete avuto un’illuminazione riguardo alla vostra vita.

Una persona illuminata cercherà di fare proseliti presso i suoi amici perché sta vivendo in uno stato che Francesco Alberoni definisce Stato nascenteSpiegare questo stato in termini sociologici è abbastanza facile, molto meno è spiegare cosa si prova. Nemmeno Jake nel film spiega ad Elwood cosa ha visto: si limita a spiegare la sua successiva idea.

Le persone intorno a chi ha visto la luce somigliano molto ad Elwood: necessitano una spiegazione concreta e razionale. Chi ha visto la luce può tentare di spiegare questo suo stato, ma non si deve frustrare se non ce la farà: impossibile riuscirci emotivamente.

Questo stato delle cose non deve bloccare chi è stato colto dall’illuminazione. Non significa che non debba dare spiegazioni – per esempio – alla persona amata, ma si deve rassegnare al fatto che chi gli sta vicino non potrà mai capire appieno. Le classiche farfalle nello stomaco le può descrivere solo chi è innamorato, non certo un single.

Chi è al fianco di una persona illuminata deve stare tranquilla: la persona illuminata sa esattamente cosa sta facendo. Il risultato lo si vedrà solo tempo dopo, ma sarà sicuramente una lieta sorpresa per tutti, come il finale del film.

Chiedere spiegazioni in questo caso, oltre che inutile, somiglia al comportamento di un bambino a Natale: i genitori sanno quale sarà il suo regalo, ma non vogliono rovinargli la sorpresa…o la magia, se crede ancora a Babbo Natale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.