Playa (spiaggia) – Baby K. 2019

Il brutto delle canzoni definite tormentoni estivi è che sono ripetitive: è dal tempo dei Righeira che abbiamo imparato che spiaggia in spagnolo si dice Playa ed è almeno dall’epoca di James Blunt  che sulla playa si sta tutta la notte.

Insomma: Baby K non ha inventato nulla di nuovo. Tuttavia, non credo sia un male, anzi. Le vacanze sono fatte per riposare

  • Nel corpo
  • Nella mente
  • Nello spirito

Il modo specifico lo dovete scegliere voi, tra una gita alla spiaggia e l’altra, magari in compagnia di qualcun altro.

Un problema che sicuramente dovremmo risolvere tutti è, invece, relativo a quando abbandoneremo la playa

Dovremmo forse aspettare le prossime vacanze per riposare?

Vi immagino già a pensare alla prossima volta di cui disporrete di un tempo di ferie piuttosto lungo: bene che vada, sarà a Natale. Non so come avete l’abitudine di passare il periodo natalizio ma, soprattutto, non ho idea di come siate abituati a trascorrere il week-end. Molto probabilmente, però, scadrete nell’errore di fare sempre le stesse cose, per poi lamentarvi della stanchezza e della noia che si faranno  sentire verso il prossimo giugno.

Il segreto di non cadere in questo errore è, in realtà, il classico segreto di pulcinella: invece di sognare la prossima playa, è forse il caso di programmare i prossimi week-end, quei famosi giorni festivi in cui non si sa bene cosa fare e molto spesso si trascorrono noiosamente. In un certo senso, non arriverete stravolti la prossima estate.

Naturalmente, dovrete pensare alle persone care: organizzare i week-end con qualche amico è il miglior modo per rinsaldare un’amicizia, forse un po’ allentata negli ultimi tempi. Se siete in coppia o in famiglia, fate cose che possono piacere una volta ad un componente del nucleo, una volta all’altro. Magari scoprirete anche nuovi interessi.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.