Sempre esistiti i ruoli, buoni e cattivi…

ruoli da buoni vs. buoni da cattivi
Sempre esistiti i ruoli, buoni e cattivi, ci giocavamo da bambini. Era piena la TV di telefilm, ma alla fine il buono vinceva amato e acclamato. Ora il cattivo c’è ancora, come è normale che sia, il problema è che l’acclamato è lui

L’utente di Twitter Oltreme, di cui avevo parlato recentemente, deve ricordarsi molto bene dei ruoli che i vari personaggi hanno in un telefilm, se venerdì scorso ha postato la frase

Sempre esistiti i ruoli, buoni e cattivi, ci giocavamo da bambini, era piena la TV di telefilm, ma alla fine il buono vinceva amato e acclamato. Ora il cattivo c’è ancora, come è normale che sia, il problema è che l’acclamato è lui

 

Anche se in un modo poco esplicito, oltreme fa notare che tutti abbiamo molti ruoli nella vita. Possiamo essere contemporaneamente

  • Genitori e figli, se i nonni fanno parte ancora della nostra famiglia
  • Lavoratori e studenti, se decidiamo di studiare mentre lavoriamo
  • Buoni e cattivi, come il titolo di una canzone di Vasco Rossi

La conclusione di oltreme è assolutamente condivisibile ma, a questo punto, occorre farsi una domanda

Perché, oggigiorno, i cattivi vincono sui buoni e sono perciò  acclamati?

Non ho una risposta precisa, ma credo che la causa di tutto ciò sia da ricercare nell’arrivismo degli anni ottanta, di cui molti di noi sono ancora – loro malgrado – intrisi.

Non posso sapere se – a quel tempo– eravate nati oppure no: di sicuro, lo erano i vostri genitori ed i loro coetanei. Loro dovrebbero descrivervi bene la competizione esasperata che c’era in qualunque ambiente: se non conseguivi un qualunque risultato, non eri nessuno!

La massima era: per farti strada nella vita, devi mettere i piedi in testa a chi poteva ostacolarti. Con il tempo, abbiamo capito che non era così, ma eravamo (e siamo tuttora) intrisi di questo dogma che non riusciamo a scardinarlo.

La soluzione sarebbe piuttosto semplice: capire che il mondo è cambiato ed occorre stare al passo con i tempi, anche psicologicamente e sociologicamente parlando. usare la contrapposizione buoni vs. cattivi, come negli anni ottanta, non porta nessun risultato apprezzabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=