Cose per le quali non chiedere scusa

Per cosa chiedere scusa?
Cinque cose per le quali non chiedere scusa

Vi chiedo scusa se, in questi ultimi mesi, non ho scritto con la mia solita frequenza: il lavoro mi ha molto assorbito. Come al solito, poi, le Feste di Natale sono state dedicate ai parenti.

Credo sia la regola chiedere scusa per una propria mancanza, magari giustificandosi con motivazioni pratiche, come ho appena fatto io. Tuttavia, la frase  ripresa condivisa oggi dalla pagina Facebook Non siamo soli indica i casi in cui non si deve farlo

I tuoi pensieri

I tuoi “no”

Perché decidi di fare quello che vuoi e non quello che gli altri si aspettano da te

Le tue decisioni

Hai cambiato idea su qualcosa

Hai bisogno di dedicarti del tempo

Non sai fare qualcosa

In estrema sintesi, non dobbiamo mai chiedere scusa per essere persone che vogliono vivere la propria vita. Per ogni caso elencato, potrei fare degli esempi. Ognuno di noi ha pensieri propri, diversi da chiunque altro, molti dei quali inconsci. Dire di no a qualcosa, incluso non fare ciò che gli altri si aspetterebbero, è semplicemente un modo per palesare la propria unicità. Le decisioni ed il cambiamento di idee vanno di pari passo: man mano che facciamo nuove esperienze, capiamo ciò che è giusto per noi e solo per noi. Presi come siamo dal lavoro ed altri impegni, è normale cercare di ricavarsi del tempo. L’ultimo punto è semplice da spiegare, ma non sempre ben accettato dagli altri: chiunque abbia cominciato a fare qualcosa di nuovo non può contare sull’esperienza data dal tempo e dalla pratica costante.

Confrontandoci con gli altri, spesso dimentichiamo questi punti ed il loro significato: di conseguenza, scusa è diventata una parola spesso abusata. In realtà, a chiedere scusa dovrebbero essere le persone che ci chiedono tutto questo, perché spesso non si ricordano come ci si sente nei casi elencati.

Un commento su “Cose per le quali non chiedere scusa”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.