Fai Rumore – Diodato, Sanremo 2020

Il rumore, almeno come lo intendiamo comunemente, non è solo un suono che ci disturba, ma un suono che ci disturba non permettendoci di concentrarsi. Diodato, nella canzone vincitrice del Festival di Sanremo associa tutto questo all’amore provato per una persona con cui non ha più contatti.

Il passo tra rumore e ricordo di qualunque cosa ci rattristi è molto breve. Facile dire che non si debba ricordare il passato, un po’ meno facile è mettere in pratica questo concetto: certi ricordi, soprattutto se brutti, tendono ad affiorare nella mente quando meno ce lo aspettiamo.

Se si trattasse di un rumore nel senso reale del termine, il consiglio da dare sarebbe fin troppo semplice: tapparsi le orecchie e dedicarsi ad attività che richiedono poca concentrazione. Fare la stessa cosa con i ricordi non è così semplice.

Gli amici e le persone care – in questo caso – possono sicuramente dare consigli, oppure…consigliare di non pensarci così ossessivamente: non è facile, però.

Il consiglio che mi sento di dare non è esattamente lo stesso, anche se sembra assomigliarci: dobbiamo pensare ad altro. Ciò non vuol dire pensare solamente al lavoro, ma concentrarci su ciò che ci crea piacere per lungo tempo, i cosiddetti hobby.

Questo non serve solo ad attutire il rumore del brutto ricordo, ma anche a farci tornare indietro di qualche tempo, quando eravamo felici di fare questa o quell’attività, seguendo le nostre vere attitudini e le nostre vere inclinazioni. Persino J-Ax ha fatto una cosa simile, anni fa. Pur ricominciando da meno di zero, per citare le sue stesse parole, è ripartito da ciò che gli creava piacere: la musica.

Se proprio non riuscite a mettere in atto nessuna cosa che vi crei felicità, provate cose nuove. In alternativa, compratevi qualcosa di sfizioso che vi faccia stare bene: il rumore cesserà.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.