La prima in basso – Max Pezzali

Il video girato per la canzone La prima in basso di Max Pezzali dimostra una cosa: non sempre la strada che ci troviamo ad affrontare è piana

Se ci pensiamo bene, è giusto così: trovare sempre la strada spianata non ci insegna nulla e – alla lunga – può anche risultare noioso. In momenti in cui la vita tende al basso, può sembrare difficile riuscire a recuperare. Nei momenti in cui siamo più su, vorremmo che quel momento non finisse mai.

Purtroppo, se non ci trovassimo mai in difficoltà o se non sbagliassimo mai, non impareremmo mai nulla. Per riuscire a risalire la china dobbiamo imparare dai nostri errori. Occorre farlo con un certo ottimismo, magari ricordando cosa disse Thomas Edison

Non ho fallito. Ho solamente provato 10.000 metodi che non hanno funzionato

La storia ci insegna che se Edison non avesse perseverato, chissà quando l’umanità avrebbe conosciuto la luce elettrica ed il mondo sarebbe – forse – molto diverso da come lo conosciamo.

Naturalmente, non è semplice perseverare nei momenti di basso. Può essere necessario qualche tempo per:

  • Recuperare l’energia necessaria
  • Riordinare le proprie idee
  • Non lasciarsi vincere dallo sconforto

L’importante non è cercare di dimenticare i momenti brutti, ma riuscire a gestirli in modo che non ci possano danneggiare in futuro, ma – anzi – aiutarci a superare le difficoltà future. Se Edison ha imparato dall’esperienza, non vedo perché non possano farlo anche le persone comuni.

Quando avremo ritrovato le forze per tornare in sella, per citare Max Pezzali,  avremo metabolizzato e compreso così tanto i nostri errori, che non dovremo più preoccuparci di commetterli: anche se non è detto che non capiti più, sapremo come gestirlo.

Se l’errore è stato commesso con gli amici, la situazione è più difficile, perché dobbiamo considerare anche la sua reazione: non è nemmeno escluso che non ci vogliano parlare più. In questi casi, il sincero pentimento è la cosa più utile e dobbiamo cercare di dimostrarlo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.