Splish splash – Matthew Lee & Band

Se non riuscite a seguire il ritmo di Splish splash eseguita da Matthew Lee e la sua band, non preoccupatevi: il rock’n’roll è così. Se non riuscite a comprendere appieno il significato della canzone Splish splash, non preoccupatevi: il rock’n’roll è così.

Un tempo il rock’n’roll era considerata la  musica del diavolo, ora è considerato un classico. Dire che i tempi sono cambiati sarebbe una banalità , ancorché vera.

L’onomatopea splish splash – così come il termine rock’n’roll – può avere metaforicamente un significato sessuale. Con le persone accade un po’ la stessa cosa: a volte, hanno dei comportamenti incomprensibili per la maggior parte di noi, psicanalisti a parte.

Questo genera dei fraintendimenti non da poco: l’effetto può essere paragonato a quello che ha fatto la canzone Splish splash ai benpensanti dell’epoca, genitori in primis.

C’è voluto del tempo prima che il rock’n’roll ed i relativi cantanti potesse ro essere considerati un classico della musica ma, alla fine, ce l’ha fatta. Lo stesso si può dire di grandi artisti. Van Gogh fu rivalutato solo dopo la sua morte, nel campo della letteratura a Kafka capitò la stessa cosa. Chissà quanti altri dimenticherei se facessi un elenco più esaustivo.

Le alternative – in questo caso – non sono molte:

  1. Adeguarsi a ciò che vorrebbe il buoncostume generale
  2. Seguire il proprio istinto

Lungi da me proporre un comportamento come quello di Sharon Stone in Basic Instinct, non posso però dimenticare che ci sono altri modi ed altri luoghi per poter sentirsi più completi e fare ciò che ci pare senza turbare nessuno.

Non dovete fare nulla di nascosto ma, per esempio, potreste sfruttare il tempo prima di andare a dormire per il vostro personalissimo splish splash, che sia scatenarvi sulle note del rock’n’roll, girare per casa completamente nudi oppure applicarvi per realizzare il vostro personalissimo sogno nel cassetto.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.