Durante una farsa si ride con le lacrime agli occhi

Cosa accade durante una farsa secondo Gigi Proietti
Durante una farsa si ride con le lacrime agli occhi. Finita la farsa, le risate finiscono e rimangono solo le lacrime agli occhi.

La morte di Gigi Proietti suona come una farsa: sembra impossibile che sia accaduta proprio il giorno del suo compleanno e ci aspettiamo che – un giorno o l’altro – lo ritroveremo come ospite in qualche trasmissione televisiva o su un palcoscenico. In fondo, è proprio vera la sua frase

Durante una farsa si ride con le lacrime agli occhi. Finita la farsa, le risate finiscono e rimangono solo le lacrime agli occhi.

In fin dei conti, un’opera teatrale prende spunto dalla vita di tutti i giorni: per quanto farsesca possa sembrarci una situazione rappresentata sul palcoscenico, se la caliamo nel mondo reale ci renderemo conto  che non è poi così inusuale.

Magari la persona famosa per la sua avarizia non si chiamerà Arpagone e a nessuno verrebbe in mente di avere Arlecchino come proprio servitore.

Tuttavia, se proviamo a cambiare i nomi dei personaggi con persone a noi conosciute, ci accorgeremo che la situazione rappresentata non si discosta poi tanto dalla realtà. In quel momento, ci accorgiamo che non c’è nulla da ridere ma – invece – c’è da piangere.

Difficile trovare una soluzione che somigli all’epilogo della scena rappresentata a teatro: non possiamo prevedere la reazione altrui. Qualcuno troverebbe corretto ridere di gusto alle situazioni che ci si presentano davanti agli occhi. Quando, però, ci accorgiamo che siamo noi i protagonisti della situazione, troviamo ben poco da ridere.

Forse è giusto piangere, come suggerisce Proietti, ma credo sia una soluzione momentanea per alleviare il nostro dolore. Più corretto è farsi una domanda

Quali risorse potrei tirare fuori per risolvere questa situazione?

Se non ne trovate nemmeno una, consultatevi con qualcuno: tutti abbiamo delle risorse da cui attingere, ma poi fate di testa vostra.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.