Criticano il DPCM di Conte e poi …

La grammatica e le critiche al DPCM
Criticano il DPCM di Conte, e poi scrivono “Voglio che quelli del Governo vadino ha casa!”

Ogni volta che esce un nuovo DPCM, qualcuno è scontento ma, come fa notare Satiraptus nel suo Tweet

Criticano il DPCM di Conte, e poi scrivono “Voglio che quelli del Governo vadino ha casa!”

Molte persone non hanno mai sentito l’acronimo DPCM prima dell’emergenza Coronavirus e fanno errori grammaticali fantozziani, eppure oggi tutti si riempiono la bocca con questo termine. Il più delle volte, è usato da chi non è d’accordo con il suo contenuto. Chi – invece – ne capisce la necessità, tace ed accetta che questa non è una situazione comune.

Scene del genere si vedono sempre, non solo in politica e non solo a causa del coronavirus: le persone tendono a non accettare ciò che non comprendono, spesso ergendosi a difensori dello status quo. Ironia della sorte, spesso sono le stesse persone che si lamentano che nella loro vita non cambia mai nulla.

Naturalmente, sarebbe bello poter scegliere cosa cambiare di volta in volta, ma dobbiamo considerare anche il mondo esterno, che – a volte – rema contro di noi.

In questi casi, non abbiamo scelta: possiamo comportarci in vari modi

  • Disperarci
  • Arrabbiarci
  • Accettare quanto accade

ma dobbiamo comunque fare i conti con una nuova realtà, bella o brutta che sia.

Ci metteremo un po’ di tempo ad abituarci a questa nuova realtà,  ma è anche vero che ogni volta cambiano molte cose, ma non cambia tutto. Restano sempre e comunque degli spazi di libertà che possiamo usare a nostro piacimento.

In quegli spazi di libertà possiamo fare molte cose. Non posso fare una lista per voi, ma  pochi di noi facevano il pane in casa prima del marzo scorso.

Invece di arrabbiarci con il Governo o chi per esso, forse è il momento di tirare fuori le nostre passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.