Maledette sedie a rotelle che…

Siano maledette le sedie a rotelle?
Maledette sedie a rotelle che fanno venire il mal di schiena

Si fa un gran parlare delle cosiddette sedie a rotelle, che persino la pagina Facebook Kotiomkin ne ha proposto una vignetta con la frase

Maledette sedie a rotelle che fanno venire il mal di schiena

Basta osservare attentamente l’immagine per rendersi conto che la causa del mal di schiena dell’alunno non è la sua sedia, ma il suo zaino stracolmo di libri.

Anche il mio zaino, quando andavo a scuola, era molto pesante: in alcuni casi, arrivava a sfiorare i dieci chili. Non possiamo addossare tutte le colpe alla scuola, ma non possiamo addossare tutte le colpe nemmeno alle persone che le governano. Questo è vero sia per la scuola ,sia per ogni altro settore.

Le sedie dei cosiddetti dirigenti sembrano comode ma – metaforicamente – sono tra le più scomode esistenti. Non è facile per nessuno – per quanto preparato – governare qualcosa di molto grande.

Spesso invidiamo la vita di questi soggetti pensandoli senza preoccupazioni. In realtà, oltre alle normali preoccupazioni domestiche, hanno anche un’azienda o un’istituzione da mandare avanti.

Chi dovrebbe fare qualcosa, allora? Sicuramente le persone più vicine a noi. Logico che il Ministro dell’Istruzione non possa conoscere il peso medio dello zaino di ogni alunno italiano. Sono i professori che dovrebbero – letteralmente – farsi carico di questo problema, scegliendo quali libri far portare ai propri alunni.

Lo stesso si può dire per il lavoro e – paradossalmente – anche la vita famigliare. Impossibile che l’Amministratore Delegato o il capofamiglia (anche se si è solo in tre) possano risolvere tutti i problemi. Dobbiamo parlare dei nostri problemi a chi può effettivamente risolverli, non esclusivamente al più alto in grado.

Non dimentichiamo, però, di fare noi stessi delle proposte costruttive. Se non lo facessimo, sembreremmo delle persone che non tengono conto dei vari aspetti e vogliono solo ottenere di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.