Devo dire di essere piacevolmente colpito

Enrico Boiani è stato piacevolmente colpito dal superbowl
Primo anno che seguo il superbowl: devo dire di essere piacevolmente colpito

Paradossalmente, non mi ha molto colpito il tweet di Enrico Boiani di stamane

Primo anno che seguo il superbowl: devo dire di essere piacevolmente colpito

Per Enrico era il primo superbowl  della sua vita. Probabilmente, uno statunitense con alcuni rudimenti di calcio resterebbe colpito dalla prima finale di Champions League a cui assiste.

Normale che una persona resti colpita da una piacevole novità; ancor più normale prendere le misure ed abituarsi. Credo sia una cosa naturale, ma con un difetto: più ci si abitua a qualcosa, più è difficile restarne colpiti.

Difficile, per esempio, emozionarsi davanti ad un film che avete visto decine di volte al cinema, anche se si trattasse de L’attimo fuggentesi finirebbe per recitarne a memoria la sceneggiatura, senza trovare nulla di emozionante.

Proprio per questo una persona ha bisogno di cose nuove, al di fuori dei propri schemi mentali, per continuare ad emozionarsi: ogni cosa può diventare ripetitiva, per quanto bella possa essere.

Credo sia per questo che – soprattutto in un tempo come questo – vedo sempre persone annoiate in giro per Milano: non fanno nulla per cercare qualcosa che li possa colpire.

Se pensate sia necessario fare cose eccezionali per rimanere colpiti, avete colto nel segno, ma solo in parte: non è necessario che siano cose eccezionali per tutti, è sufficiente che siano eccezionali per voi! Persino un libro come I Promessi Sposi – ammesso che non l’abbiate mai letto – può risultare pieno di sorprese.

Per cominciare a stare bene, oltre all’esercizio fisico, occorrerebbe fare un esercizio emotivo – mentale: provare una nuova cosa a settimana. Se ogni settimana ci mettessimo in testa di  andare a provare un nuovo sport o leggere un autore mai considerato prima, ci renderemo conto che sappiamo ancora emozionarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.