Tutti siamo cattivi in una storia raccontata male

Siamo tutti cattivi
Tutti siamo cattivi in una storia raccontata male

Tanti pensano di essere cattivi, altri pensano il contrario e non riusciamo a capire quale sia la verità. La pagina Facebook ricorda dà una risposta con la frase

Tutti siamo cattivi in una storia raccontata male

Qualsiasi evento può essere considerato sotto diversi punti di vista. Probabilmente, gli inglesi non hanno ancora digerito la sconfitta nella finale degli Europei. Per gli inglesi, noi  italiani siamo i cattivi che hanno tolto loro la meritata vittoria. In questo caso, però, possiamo contare su un risultato sportivo ormai consolidato dagli eventi ed una terna arbitrale che – per quanto forse non perfetta – ha fatto il suo lavoro onestamente.

Nelle discussioni fra persone non possiamo contare su elementi del genere. Lo stesso evento è vista in maniera opposta fra due contendenti senza che ci sia nessuno  di esterno che possa avere una visione super-partes.

La storia può essere raccontata in modo diverso da entrambe le parti, ma certi elementi sono indiscutibili e condivisi: occorre partire da quelli per raccontare la vicenda nel modo migliore e più asettico possibile. Solo così una persona esterna può stabilire chi ha ragione e chi ha torto.

Proprio per questo motivo le storie migliori sono quelle che lasciano più spazio al giudizio dell’ascoltatore, senza che il narratore dica qualcosa che possa far capire da che parte sta. Certo: anche ne i Promessi Sposi si capiva benissimo da che parte stesse la voce narrante impersonata da Manzoni. Tuttavia, lo scopo del romanzo non era quello di risolvere una questione di vita reale.

Nella vita reale occorre essere il più possibile obiettivi quando ci troviamo ad avere a che fare con litigi, alterchi o situazioni in qualche modo che possono causare rabbia nei presenti. Non dobbiamo essere giudici, ma dobbiamo comunque ragionare molto lucidamente per capire da che parte stare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.