Batte la Roma e torna a casa in tram

Lapo Nava che torna a casa in tram
Batte la Roma e torna a casa in tram

Siamo portati a pensare che un calciatore preferisca un’automobile ad un mezzo pubblico come il tram per girare la città. Questa regola è stata sovvertita da Lapo Nava , tanto che la pagina Facebook Cronache di spogliatoio gli ha dedicato la notizia dal titolo

Batte la Roma e torna a casa in tram

Il giovane Lapo è figlio di Stefano Nava, allenatore delle giovanili del Milan. Tanti avranno pensato che sarebbe tornato a casa in taxi o scortato su un’auto privata di grossa cilindrata, dati i suoi nobili natali calcistici e l’esordio in Serie A.

La vita di una persona famosa  non è molto diversa da quella di una persona comunesoprattutto se non si monta la testa. Per dirla in un modo che – forse – userebbe la mia collega blogger Francesca, anche la regina Elisabetta va in bagno tutti i giorni.

Se è vero che ci sono persone che hanno avuto un successo limitato nel tempo e si sono montate la testa, non per tutti è così. Anche se non ce ne rendiamo conto, c’è gente – come Lapo – che umilmente fa il suo lavoro non tanto per guadagnare tanto, ma perché fa quello che gli piace e se ne frega di tanti annessi e connessi (che, peraltro, non sono ancora arrivati, almeno in questo caso).

Il problema è dettato sia dall’invidia della gente comune, sia da quella minoranza che si pavoneggia pur avendo avuto dei risultati che – per il momento – non entreranno certo nella storia.

Queste persone si credono superiori – per esempio -a qualsiasi individuo che fatica otto ore al giorno davanti ad un computer o un tornio, senza comprendere che non c’è nulla da invidiare.

Se è vero che si tratta anche di fortuna, il nostro destino dipende dalle scelte fatte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=