Ho imparato a contare su me stesso

Quando si impara a contare su sé stessi
Ho imparato a contare su me stesso quando, appoggiandomi a chi mi diceva di esserci, mi ha lasciato cadere

Secondo l’autore anonimo della frase citata dalla pagina Facebook Pensieri Magici, c’è un momento esatto in cui si impara a contare su sé stessi

Ho imparato a contare su me stesso quando, appoggiandomi a chi mi diceva di esserci, mi ha lasciato cadere

Tutte le persone, prima o poi, hanno bisogno dell’aiuto degli altri. Spesso, però, gli amici scappano nel momento del bisogno: cosa che mette in dubbio siano mai stati veramente amici.

In quei momenti, abbiamo la fortuna di sentire una grande rabbia: se ben indirizzata, possiamo contare su forze liberate dal nostro istinto. Incanalando nel modo opportuno queste forze, possiamo raggiungere molti risultati che in momenti di calma ci sarebbero sembrati impossibili.

L’istinto ci porta ad entrare in una modalità di sfida: vorremmo dimostrare a chi ci ha abbandonato in un periodo difficoltoso della vita che ce l’abbiamo fatta anche senza il suo aiuto.

Una volta conseguito il risultato desiderato, cercate di dimenticare quella persona. Abbandonare qualcuno nel momento del bisogno è una delle azioni più spregevoli che si possano commettere: il rischio di non riuscire a ricucire il rapporto e di provare astio reciproco è molto alto.

Non dovete fare molto per raggiungere questo risultato:

  • Abbandonare chi non c’è stato nel momento del bisogno al proprio destino
  • Concentrarvi su chi – invece – era presente nel momento del bisogno

L’importante è non esagerare in attestati di stima da una parte o di disistima dall’altra . Non occorre che le altre persone vedano quando siete arrabbiati perché vi hanno abbandonate o che siete grati perché siete stati aiutati: rischiate di sembrare troppo incazzosi da una parte o troppo lusinghieri dall’altra. La rabbia è un momento passeggero: non occorre che dimostriate di esserlo stati.

Meglio proseguire sul vostro nuovo cammino, in presenza di nuove persone ed in assenza di vecchie persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=