La mortadella è comunista

Ancor prima che Romano Prodi si buttasse in politica, Francesco Nuti aveva associato la mortadella alla sinistra italiana con la frase

La mortadella è comunista. Il salame è socialista. Il prosciutto è democristiano. La coppa liberale. Le salsicce repubblicane. Il prosciutto cotto è fascista

Se escludiamo gli ultimi anni della sua vita segnata dalla malattia che gli impediva di lavorare, Francesco Nuti è stato sempre poco considerato. Il destino ha colpito ulteriormente, facendo passare la notizia della sua morte in secondo piano, vista la concomitanza con quella di Silvio Berlusconi.

Anche in punto di morte, hanno trattato Nuti  come una mortadella, il meno nobile dei salumi.  Basta leggere la sua biografia per rendersi conto che ha fatto tanto.

È una cosa che accomuna molte persone: sembra che in vita loro non abbiano fatto molto, salvo rendersi conto in punto di morte del loro effettivo valore.

In un certo senso, credo che c’entrino anche le forme depressive di cui Nuti – ma anche individui comuni – hanno sofferto e soffrono. Non possiamo aspettarci che qualcuno apprezzi il nostro valore se non siamo per primi noi stessi ad apprezzarlo.

Se, per esempio, vi paragonate ad una mortadella mentre vorreste essere un culatello, dovreste pensare alla differenza fra questi due salumi: il primo è per i nobili, il secondo per il popolo. Non c’è nulla di male ad essere per il popolo, anzi: vorreste per caso essere considerati anti-democratici?

D’altro canto, dobbiamo trovare una persona – o più di una, in caso di amicizia – che ci apprezzi e capisca le nostre difficoltà. Grazie al suo o al loro aiuto, potremmo trovare il nostro posto nel mondo, cosa che non sempre ci riesce.

Se, per esempio, qualcuno avesse esaudito la richiesta di Francesco Nuti quando avrebbe voluto fare un film, la sua autostima sarebbe migliorata.

Se troviamo una persona depressa, dobbiamo stargli vicino e stimolarla il più possibile. Non basta dirle che la vita è bella: occorre fare qualcosa di pratico per farle vedere la bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=