C’è una vergogna positiva

La vergogna secondo Zerocalcare
C’è una vergogna positiva, che prima di aprire bocca ti fa chiedere se hai veramente titolo per dire quello che stai per dire.

Tutti proviamo vergogna e – a volte – ce ne vergogniamo, ma credo che dovremmo dare retta alle parole di Zerocalcare condivise dalla pagina Facebook Prendersi cura

C’è una vergogna positiva, che prima di aprire bocca ti fa chiedere se hai veramente titolo per dire quello che stai per dire. È la grande assente di questo secolo.

Le persone non provano questo tipo di vergogna perché credono di avere sempre ragione. Non si rendono conto che la loro è solo un modo di considerare una questione e ne esistono molti altri, forse uno per ogni persona vivente.

Inoltre, stiamo vivendo un’epoca in cui c’è una sorta di pandemia di supponenza: quello che abbiamo appreso dalla vita sicuramente ci guiderà in futuro, ma – per contro – è considerato oro colato, almeno finché qualcosa non ci fa cambiare opinione.

In questo modo sono nate figure come i cosiddetti hater o i laureati all’Università della vita. Spesso sono guidati da esperienze dirette. Non possiamo definirli ignoranti in senso stretto, ma sicuramente ne sanno meno degli esperti in materia.

Ciò di cui non si rendono conto è che le esperienze dirette sono molto diverse da persona a persona. Esperienze diverse portano a conclusioni diverse: ovvio, ma spesso dimenticato nella vita di tutti i giorni.

L’unico modo per far provare vergogna a questi individui sembrerebbe quello di metterli davanti all’evidenza dei fatti. Non sempre funziona: ho conosciuto persone per le quali la somma di uno e due fa quattro. In questi casi, mostrare il risultato sulla calcolatrice non serviva a nulla.

In realtà, esiste un modo più concreto: lasciare correre, con la consapevolezza che – prima o poi – inciamperanno sui loro stessi errori di valutazione, se così posso chiamarli.

Può darsi che questa strategia ci crei un po’ di frustrazione, ma i modi per scaricarla sono molti e (quasi) tutti legali. Utilizzando questi metodi, vivrete più serenamente.

Un commento su “C’è una vergogna positiva”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=