Sconfitta dura da mandare giù…

Novak Djokovic sulla sconfitta a Wimbledon
Sconfitta dura da mandare giù ma devo andare avanti

La notizia della sconfitta di Novak Djokovic a Wimbledon  può essere riassunta proprio dal titolo dato da Il Corriere della Sera

Sconfitta dura da mandare giù ma devo andare avanti

Sicuramente, il tennista farà una cosa che dovrebbe fare qualsiasi persona: analizzare i motivi della sconfitta. La sfortuna può centrare in minima parte. Una percentuale dell’insuccesso può dipendere da altri fattori:

  • Il nostro avversario era in uno stato psicofisico migliore di noi
  • Non ci siamo impegnati abbastanza
  • Varie ed eventuali

Se la sconfitta è derivata da una migliore condizione dell’avversario, occorre prendere il suo esempio. Nel caso in cui sia dovuta ad altri fattori, bisogna analizzarli e cercare di correggerli.

Un fattore che può aiutarci è analizzare i nostri errori. Non potremmo forse notare degli errori microscopici, ma ce ne saranno alcuni più evidenti dagli altri. Se cerchiamo un punto di ripartenza, la correzione degli errori macroscopici è il primo fra i punti.

Il modo migliore per farlo è porsi una domanda all’apparenza banale

Come potrei fare in modo di non commettere più lo stesso errore?

La risposta di prestare più attenzione lascia un po’ il tempo che trova. Occorre scomporre il problema in più parti e migliorarne una per una. Prendete una parte e concentratevi su questa finché non sarete soddisfatti del risultato, poi andate avanti con la successiva.

Se la risposta pratica è poco soddisfacente, dovete fare leva sulla vostra risposta emotiva: che si tratti di rabbia o di cocente delusione, dovete usare questo stato d’animo per andare avanti. Ho sempre sostenuto che le emozioni negative devono essere sfogate nel modo giusto: uno dei modi può essere proprio incanalare le proprie energie per non essere più sconfitti.

Anche se sembra ridicolo, dovete prendere un periodo di riposo prima di procedere. Anche se in quel momento non ci pensate, sia il fisico che il cervello hanno bisogno di riposo per riprendere con più decisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=