Help, Help: I need help

A volte anche l'help non viene sentito
Help, I need Help

Credo che molti di noi – sentendo la parola help – pensino per prima cosa alla canzone dei Beatles e non ad una richiesta d’aiuto. Difficilmente, quindi, ci troveremo nella situazione proposta dall’immagine condivisa dalla pagina Facebook An Diorior.

La scena è metaforica. Una persona chiede aiuto in inglese perché sta andando a pezzi: l’uomo che la soccorre la abbraccia, rimettendola insieme.

Nella vita di tutti i giorni, un comportamento simile non sembra essere accettato: al primo help che si sente, si mette in mano il biglietto da visita di uno specialista.

A volte, lo specialista è necessario. Spesso, però non ci si fa la domanda corretta

Cosa posso fare per aiutarti?

Ammesso che si ponga questa domanda, non è detto che la risposta sia di nostro gradimento. Spesso tendiamo a tacere dei nostri errori per evidenziare quelli altrui.

Se abbiamo preso quattro in una verifica, la colpa è del professore bastardo, non nostra che non abbiamo studiato. Allo stesso modo, è colpa di chi si sente poco considerato se non parla, mentre chi dovrebbe ascoltare si lascia perseguitare dai propri problemi.

Spesso, inoltre, ci facciamo fregare dal vocabolario: ognuno usa le parole a suo modo, quindi è facile che una stessa parola sia intesa in modo diverso dal nostro interlocutore.

La soluzione potrebbe essere più semplice di quella che pensiamo: osservare e parlare senza giudizio. Una persona stanca può sembrarci arrabbiata, ma dobbiamo chiedere al diretto interessato come si sente, magari insistendo anche un po’ .

Non dobbiamo dare per scontato nulla: se è normale sentirsi stanchi, forse non è normale lamentarsi della stanchezza. Dobbiamo considerarla una richiesta d’aiuto e non una semplice lamentela.

Anziché criticare il comportamento di chi sta male, una volta comprese come stanno le cose, dobbiamo fare autocritica. Forse non è una colpa non raccogliere determinati segnali, ma probabilmente dobbiamo anche prestare più attenzione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=