Il maestro elementare non può….

Il maestro elementare secondo Kant
Il maestro non può insegnare pensieri, ma deve insegnare a pensare

Spero ricordiate sufficientemente bene il vostro primo maestro elementare per comprendere se può essere appropriata la frase di Immanuel Kant condivisa dalla pagina Facebook WorDrops

Il maestro non può insegnare pensieri, ma deve insegnare a pensare

Non credo che tutti i maestri abbiano fatto proprio il suggerimento di Kant. Come in ogni lavoro, anche fra gli insegnanti c’è chi lo fa per seguire la propria passione e voglia di trasmettere il proprio sapere ai discepoli e chi – invece – lo fa solo per portarsi a casa la pagnotta.

Nel secondo caso, le persone atte ad insegnare si limitano a impartire la lezione segnata sul libro di testo; nel primo caso, incentivano gli allievi a ragionare con la propria testa. Il film l’Attimo fuggente è un buon esempio: alzi la mano chi non amerebbe il professor Keating e non darebbe fuoco al preside Nolan!

Basterebbe che il maestro – di tanto in tanto – ponesse una semplice domanda ai propri allievi

Cosa ne pensi tu?

Le domande umanistiche sono più adatte rispetto alle domande scientifiche, ma anche soddisfare una propria curiosità scientifica può portare risultati inaspettati.

Se gli allievi non sono così fortunati da avere un maestro simile, dovrebbero essere i genitori di figli piccoli a dover stimolare il modus pensandi del pargolo, ma non sempre i genitori vogliono sobbarcarsi quest’onere.

Crescendo, dovrebbero essere gli stessi studenti a doversi porre queste domande, ma vedo sempre più persone inebetite da internet e sempre meno curiose.

Per stimolare la curiosità, occorre porre e porsi continuamente domande, anche sulle cose che pensiamo di conoscere in modo approfondito. Le fonti per avere sempre nuove conoscenze ci sono: basta solo un po’ di pazienza per trovarle.

Strano a dirsi, è proprio la pazienza il vero problema. Vogliamo avere tutto subito e non fare fatica: se apprezzassimo il duro lavoro, apprezzeremo di più anche i maestri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=