Attimi di dimenticanza

A cosa servono gli attimi di dimenticanza secondo Totò intervistato da Oriana Fallaci
vi sono momenti minuscoli di felicità, e sono quelli durante i quali si dimenticano le cose brutte. La felicità, signorina mia, è fatta di attimi di dimenticanza

Il tweet di Poesia mi ha ricordato uno degli attimi più belli della televisione italiana. Il momento in cui Totò,  intervistato da Oriana Fallaci, pronuncia la frase

Vi sono momenti minuscoli di felicità, e sono quelli durante i quali si dimenticano le cose brutte. La felicità, signorina mia, è fatta di attimi di dimenticanza

Le persone che si considerano più tristi e cupe non riescono a vivere questi attimi, perché vivono nel ricordo di eventi passati.

Anche Totò non ha avuto una vita allegra, eppure sul palco o davanti alla cinepresa sembrava riuscire a dimenticare tutto questo.

Sicuramente, per il principe della risata il lavoro era anche un momento di gioia. Molti di noi non hanno la stessa fortuna, ma potrebbero comunque trovare delle alternative: delle cose da fare per trascorrere gli attimi di dimenticanza a cui accenna la frase.

Non credo che basti il classico bagno caldo per ottenere questo risultato, ma bisogna invece trovare qualcosa che ci rende felici forse non per la vita , ma almeno per l’intera giornata.

Riconoscere queste cose è facile: nel momento in cui le stiamo svolgendo, dimentichiamo tutto il resto. Non è difficile tornare alla routine quotidiana dopo aver vissuto questi attimi: il benessere che ne abbiamo tratto perdurerà per molte ore.

Comprendere quando abbiamo bisogno di altro tempo simile è altrettanto facile: l’umore comincia a calare. Pur essendo una sensazione diversa, è la stessa cosa che avviene con cose come

  • Fame
  • Sete
  • Sonno

Il problema è che – spesso – interpretiamo questi attimi come passeggeri e che si risolvono spontaneamente. Non è così: queste cose richiedono il nostro intervento diretto. Se abbiamo sonno, dormiamo: perché non possiamo fare qualcosa anche per l’umore?

Al di là di terapie lunghe e costose, non è difficile ricavarsi dei momenti di trascurabile felicità, per citare il titolo di un libro. Sembrerebbe più difficile trovare il modo, ma basta guardarsi dentro per risolvere il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=