I nostri unici limiti…

I limiti secondo Napoleon Hill
I nostri unici limiti sono quelli che stabiliamo nella nostra mente

Stamattina, mentre andavo al lavoro, mi sono ritrovato a riflettere sui limiti di ognuno di noi. In questo modo, sono incappato nella frase di Napoleon Hill, che voglio condividere con voi

I nostri unici limiti sono quelli che stabiliamo nella nostra mente

Dire che i limiti sono un ostacolo (a volte necessario) a ciò che vogliamo fare è lapalissiano: si tratta di istinto di conservazione con cui dobbiamo fare i conti.

Il punto è la risposta che diamo alla domanda

Perché mi pongo questo limite?

Sulla risposta un qualsiasi psiconalista potrebbe improntare una marea di sedute! Scavando nel profondo, si potrebbe scoprire da cosa derivano i nostri limiti.

Se, per esempio, avete rischiato di annegare da piccoli, logico che abbiate paura dell’acqua. La reazione – più o meno inconscia – è quella di non tuffarsi, se non addirittura sfociare nel patologico, tanto di aver paura di fare la doccia.

Finché un limite non ci condiziona pesantemente la vita è qualcosa di sano.

Le difficoltà si presentano quando – ironia della sorte – superiamo un limite specifico: quello di non essere in grado di fare una qualsiasi cosa.

Dobbiamo convincerci che se una cosa è andata male in passato non è detto che vada male anche in futuro. Anzi, possiamo usare tutto questo a nostro vantaggio, vedendolo come una sfida personale.

Se intendiamo la parola limite inteso in senso morale, il discorso cambia: non commetteremo mai a qualcuno uno sgarbo. Escludendo l’ambito religioso, ognuno ha la propria moralità. Quando due moralità non coincidono, possono nascere fraintendimenti o addirittura litigi.

L’unico modo per andare avanti in questi casi è accettare reciprocamente la moralità dell’altro. Forse ci sentiremo bloccati non potendo più fare nell’agire in qualche ambito, ma la cosa riguarderà anche la controparte: pari e patta!

Per proseguire in un qualsiasi rapporto, ci si deve porre il superamento dei propri limiti come – ancora una volta – una sfida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=