Sinner è il nuovo numero uno del mondo

Sinner è il numero uno al mondo
Sinner è il nuovo numero uno del mondo

Da ieri, Jannik Sinner è il nuovo numero uno al mondo di tennis. Non solo La Repubblica, ma tutti i quotidiani nazionali hanno dato spazio alla notizia.

L’ascesa di Sinner (cominciata anni fa, come sappiamo) ha avuto luogo al Roland Garros in corso a Parigi, dopo che Novak Djokovic si è ritirato a causa di problemi fisici.

Se diamo retta alla cronaca, Sinner è diventato numero uno al mondo anche a seguito di un colpo di fortuna. Se studiamo la storia del tennista, sappiamo bene che non è così: è un percorso che parte da lontano.

Quello della fortuna è un tema ricorrente quando si parla di persone di successo: chi non ce la fa, pensa che il destino conceda a qualcuno un percorso più facile rispetto ad altri.

Non nego che, saltuariamente, possono capitare dei colpi di fortuna. È anche vero, però, che altrettanto saltuariamente possano capitare dei colpi di sfortuna, quindi sfighe e botte di culo tendono ad equilibrarsi.

Ognuno di noi può diventare il numero uno in qualcosa nella vita, basta impegnarsi e…rinunciare a tutto il resto.

L’esempio dello sport calza a pennello. Se non siamo addetti ai lavori o non siamo suoi amici, vediamo Sinner o qualsiasi altro sportivo solo nel tempo della gara. Tralasciando le necessità strettamente fisiologiche, non possiamo sapere come sia una sua giornata tipo: di certo, non passerà il tempo a girare spot per Fastweb.

L’errore che commettiamo tutti (io incluso)  è quello di considerare la vita altrui migliore della nostra, senza considerare i sacrifici che ci sono dietro.

La differenza fra noi e il prossimo è che noi accusiamo la sfortuna del nostro insuccesso, mentre il prossimo dà il merito al proprio impegno ed alla propria costanza dei propri successi.

Una cosa su tutte per non accusare Sinner di essere affetto da Sindrome da dipendenza dal lavoro. Come tutte le persone di successo, ha imparato a gestirsi, sia fisicamente che mentalmente: dovremmo imparare a farlo tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=