Se ti avessi conosciuto prima

Oggi ho conosciuto la cantautrice colombiana Karol G che nel suo brano si fa una domanda apparentemente banale

Cosa sarebbe accaduto se ti avessi conosciuto prima?

La risposta che si dà nel testo è intrisa di invidia.

L’invidia è un’emozione strana: si guarda ciò che  qualcuno ha (o non ha) e lo si paragona al proprio vissuto.

Che le persone siano tutte diverse le une dalle altre sembra tanto lapalissiano quanto poco considerato. Ognuno di noi valuta in modo diverso anche cose oggettivamente uguali fra loro.

La valutazione parte da ciò che siamo in grado di osservare, esternamente ed internamente. Grazie all’osservazione  si va a formare ciò che abbiamo conosciuto di qualcosa o qualcuno.

Per rispondere alla domanda che si fa Karol G, quindi, potremmo dire che una persona prima di lei ha visto qualcosa di speciale o particolare nell’uomo che le piace.

Tutto questo ipotizzando che la conoscenza di una persona sia avvenuta più o meno in contemporanea. Esiste anche l’ipotesi – tutt’altro che scontata – che le tempistiche non siano coincidenti. In questo caso, si può parlare semplicemente di fortuna o sfortuna, a seconda dei punti di vista.

L’errore che commettiamo tutti è quello di rimpiangere ciò che è avvenuto in passato, come se volessimo cambiarlo. Siccome non si può cambiare il passato, dobbiamo farci un po’ i conti.

Piuttosto che rimuginare su ciò che è avvenuto di brutto, cerchiamo di pensare alle cose belle che sono accadute: possiamo sfruttarle a nostro vantaggio, anche se non ci abbiamo mai pensato prima.  Ironia della sorte, a volte queste cose sono state persino accantonate con leggerezza.

Per esempio, in passato potremmo esserci appassionati ad una determinata materia di studio ma, per vari motivi, non l’abbiamo mai approfondita. Essendo un argomento conosciuto almeno in parte, dovrebbe essere meno complicato.

Con le persone è la stessa cosa: a volte, ci ostiniamo a conoscerne di nuove, quando non abbiamo mai veramente approfondito i rapporti esistenti.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resize text-+=