Il mio nome è Greta (Thunberg)

 

Il mio nome è Greta - Valentina Giannella
Copertina del Libro “Il mio nome è Greta” di Valentina Giannella

In questo periodo, si parla molto di una persona di sedici anni di nome Greta Thunberg che, cominciando dagli scioperi scolastici, sta portando avanti una battaglia contro il riscaldamento globale ed il clima in generale.

Continua a leggere Il mio nome è Greta (Thunberg)

Mi chiamo Alice, ho 27 anni e domani mi sposo

Mi chiamo Alice, la mia storia
Mi chiamo Alice, ho 27 anni, e domani mi sposo

Mi chiamo Alice, ho 27 anni. Domani mi sposo. Mi trema il cuore dalla felicità. Sento tutte le farfalle nello stomaco, di tutto il mondo, tutte dentro. Sposo Luigi, l’amore della mia vita, l’amore che arriva e ti ci butti dentro. Ed è bellissimo.

Comincia così la storia di Alice, solo omonima di mia nipote,  che potete leggere per interno sulla pagina Facebook Nereidi alla deriva.

Continua a leggere Mi chiamo Alice, ho 27 anni e domani mi sposo

Capisci che il mondo ha qualcosa che non va

Il mondo ha qualcosa che non va?
Capisci che il mondo ha qualcosa che non va quando

Ognuno di noi ha qualcosa che lo fa stare bene: è ciò che chiamiamo comunemente hobby. Tuttavia, pochi sembrano praticarli con costanza.  Sembra essere questa la conclusione a cui arrivare vedendo l’immagine condivisa dalla pagina Facebook Gente che va in montagna una volta l’anno e si sente Messner.

Continua a leggere Capisci che il mondo ha qualcosa che non va

SOS con rabbia e con amore

SOS con rabbia e con amore
Copertina dell’album “SOS con rabbia e con amore”

Ci sono varie spiegazioni della sigla SOS:

  1. Qualcuno sostiene che sia l’acronimo di Save Our Ship (letteralmente salvate la nostra barca)
  2. Altri dicono che significhi Save Our Souls, cioè salvate le nostre anime
  3. La motivazione ufficiale vorrebbe che si tratti semplicemente della sigla più facilmente trasmissibile in codice morse: tre punti, tre linee, tre punti.

Continua a leggere SOS con rabbia e con amore

Ogni giorno do ossigeno a quattro persone

Quanto abbiamo bisogno di ossigeno ?
Ogni giorno do ossigeno a 4 persone. Con il mio fogliame e le mie radici attenuo la forza della pioggia ed evito le frane. Non pensi che mi meriti la tua cura?

Se un albero potesse parlare, direbbe la frase che campeggia in primo piano in questa immagine

Ogni giorno do ossigeno a 4 persone. Con il mio fogliame e le mie radici attenuo la forza della pioggia ed evito le frane. Non pensi che mi meriti la tua cura?

Continua a leggere Ogni giorno do ossigeno a quattro persone

La vita è come un’eco: se non ti piace quello che rimanda

eco e vita secondo Joyce
La vita è come un’eco: se non ti piace quello che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che invii

Essendo nato in montagna, quando ero piccolo mi piaceva provare a sentire l’eco della mia voce, di tanto in tanto.  Non avrei mai pensato che una frase potesse paragonare l’eco alla vita.

Continua a leggere La vita è come un’eco: se non ti piace quello che rimanda

Quando impareremo ad osservare sarà un gran giorno

Bambino e gatto si dedicano ad osservare senza giudicare
Quando impareremo ad osservare senza emettere sentenze e giudizi, sarà un gran giorno per la nostra intelligenza

Mi piace osservare il mondo e parlarne in questo blog: tuttavia, ciò che dico non sono sentenze o giudizi, ma semplicemente un’opinione che può essere accolta o rifiutata.

Continua a leggere Quando impareremo ad osservare sarà un gran giorno

Si parla di un argomento

Quando si parla di un argomento
Quando si parla di un argomento

Non credo che tutti siano consapevoli di quanto avviene nella nostra mente quando si parla di un qualsiasi argomento.  Per quanto scherzoso, il diagramma di flusso proposto nell’immagine che ho trovato oggi su Facebook può dare un’idea approssimativa. Continua a leggere Si parla di un argomento

Vita dal ghetto a Milano

Mezzo pubblico nel ghetto
Immagine di un mezzo pubblico nel ghetto

In occasione del giorno della memoria che si celebrerà fra tre giorni, il quotidiano free press Metro ha pubblicato un’intervista a Stefano, che con sua madre, nel 1943, fuggì dal ghetto Varsavia e si trasferì a Milano. Anche se non lo riporta, il cognome non è importante.

Continua a leggere Vita dal ghetto a Milano

Quando esci un’ora prima dal lavoro e vedi gente

 

Quando esci un’ora prima da lavoro e vedi gente che vive e fa cose
Quando esci un’ora prima da lavoro e vedi gente che vive e fa cose

Il motivo per cui mi piace tanto camminare e prendere i mezzi pubblici é perché si vede gente che va in giro. Sinceramente, a volte ho la stessa espressione di Willy all’arrivo sul taxi a Bel Air.

Continua a leggere Quando esci un’ora prima dal lavoro e vedi gente