I have a very intelligent mind but a god damn stupid heart

Frase di Matt Baker
I have a very intelligent mind but a god damn stupid heart

 

Oggi, grazie alla pagina Facebook Informazione Liberaho conosciuto Matt Baker: ma si riferisce all’artista o al presentatore? Questo ci dimostra che internet ha ancora molta strada da fare per arrivare a sostituire tutto il sapere umano.

In ogni caso, la frase è molto interessante

I have a very intelligent mind but a god damn stupid heart

La traduzione letterale non sarebbe necessaria, ma in italiano suonerebbe più o meno

Ho una mente molto intelligente, ma un cuore maledettamente stupido

quasi a rimarcare il concetto che espressi il 20 settembre scorso. Il problema è sempre lo stesso: ascoltiamo più il nostro cervello che il nostro cuore.

Certo, c’è anche chi si fa guidare dal proprio istinto, ma non credo che – in questo caso – si possa parlare di ascolto.

Voglio farvi un esempio pratico: siete in casa con la radio accesa mentre state lavando i piatti. Un lavoro che non richiede una grossa concentrazione, ma probabilmente vi assicurerete che le stoviglie siano ben pulite ed asciugate, mentre – nello stesso tempo – non sapreste dirmi quale canzone stanno strasmettendo. Ecco il tipico caso di ascolto del cervello e non del cuore.

Il nostro cuore non è stupido: siamo noi che, stupidamente, non abbiamo studiato il suo linguaggio.

Se ho parlato di cuore e non di istinti il motivo è semplice: a volte confondiamo le due cose. Non credo nei colpi di fulmine: in questo caso, preferisco parlare di infatuazione La famosa scappatella ci può stare ma, se una cosa dura da tempo, forse è meglio chiamarlo amore, non credete?

C’è un piccolo esercizio che vorrei proporvi: quando credete di essere innamorati o – più semplicemente – vi siete emozionati per una qualsiasi cosa durante la giornata,  prima di addormentarvi, prendetevi qualche minuto. Ripercorrete l’accaduto con la mente e domandatevi

Cosa ho sentito in quel momento?

Saprete senz’altro distinguere amoree infatuazione.

 

The One That Got Away

 

A volte, ascoltiamo canzoni semplicemente per rilassarci pochi minuti, dimenticandoci di capirne il significato. Il 16 marzo dell’anno scorso avevo già detto quanto sostiene una mia coetanea, ma voglio riportarlo anche oggi

Nelle canzoni, ciò che conta veramente è il messaggio

Se, poi, il testo è in inglese, come nel caso di The one that got away, occorre fare anche uno sforzo di traduzione. Lo sforzo sarà ricompensato da una sorpresa, come quella che Katy Perry è capace anche di trasmettere un messaggio nei suoi brani.

Qualcuno potrebbe sostenere

È la semplice storia di due ragazzi che si lasciano

Forse avete ragione, ma vorrei farvi due domande:

  1. Se così fosse, perché realizzare un video così tragico come quello che vedete?
  2. Perché, in psicologia, si parla di lutto anche per la fine di un qualsiasi rapporto?

Credo che il nostro cervello voglia difenderci dalla sofferenza e che la vita, di tanto in tanto, ce la sbatta in faccia: dobbiamo affrontarla.

Se una persona soffre, occorre starle vicino, anche se lei vorrebbe il contrario e se non sappiamo esattamente come fare per aiutarla: la sola nostra presenza può essere di aiuto. Del resto, si parla di una spalla su cui piangere per indicare l’amico che sta vicino a chi soffre.

Non voglio augurarvi nulla di male, ma so una cosa: se vi comporterete così, il vostro amico sarà al vostro fianco quando voi avrete bisogno di lui.

The wall

 

A volte, tutti ci domandiamo

In che cazzo di società viviamo?

Quest’interrogativo dev’essere vecchio almeno quanto me, visto che i Pink Floyd se lo chiedevano già allora, nell’album The Wall.

Più che un album, una storia…più che una storia, una leggenda: definirlo in altri modi sarebbe impossibile.

Per quanto mi riguarda, quest’album non è nient’altro che la metafora della verità: non importa se la storia riguarda Syd Barrett oppure no…..può riguardare tutti noi!

Se, un tempo, erano solo le Rockstar e le persone ad alti livelli a soffrire di disturbi mentali (ma, forse, alle persone comuni mancava solo una corretta diagnosi), ora mi sembra che tutti abbiano problemi di qualunque genere.

La verità è proprio il problema di quel muro che abbiamo eretto intorno a noi, che ci isola dal resto del mondo e ci fa considerare – in un delirio di onnipotenza – i migliori sul pianeta…ma se ci consideriamo soli, con chi mai potremmo confrontarci?

 

Non mi piacciono i doppi giochi. Non mi piacciono le doppie facce. Non mi piacciono gli approfittatori. Mi piace un'unica cosa…la gente sincera

DoppiGiochiDoppieFacceApprofittatoriGenteSincera
Non mi piacciono i doppi giochi. Non mi piacciono le doppie facce. Non mi piacciono gli approfittatori. Mi piace un’unica cosa…la gente sincera

Come avrete capito leggendo il post di ieri, io e Paola stiamo tentando un riavvicinamenteo dopo un pesante litigio: non entro nei dettagli, proprio perchè sono state le parole a generare un grandissimo problema.

Stamattina, però, ho trovato una frase sulla pagina Facebook Pianeta donne che mi riporta all’inizio di tutto questo e ne è una degna conclusione

Non mi piacciono i doppi giochi. Non mi piacciono le doppie facce. Non mi piacciono gli approfittatori. Mi piace un’unica cosa…la gente sincera

A volte, omettiamo di dire delle cose ai nostri amici con varie motivazioni:

  • Non ci sembra il momento opportuno
  • Vogliamo dirglielo di persona
  • Varie ed eventuali

Il litigio con Paola mi ha insegnato una cosa: queste non sono motivazioni, sono scuse! Fossi stato più sincero con Paola fin da subito, forse non sarebbe successo nulla di grave: chi lo sa?

Ho capito che c’è un solo modo per iniziare o continuare un rapporto: dire sempre e subito la verità. Una persona va accettata nella sua totalità in quanto tale, con pregi e difetti.

I modi di contattare una persona li abbiamo sempre a portata di mano: si usano e si parla…Le altre strategie – se così posso chiamarle – sono solo un modo di prendersi in giro reciprocamente.

Tanto per chiarezza, voglio dire a Paola una cosa: la frase qui sopra è generale perchè questo è un blog, perciò mi rivolgo a tutti coloro mi leggono.

 

Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

ValerePenaTrovareTutto
Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

Sono trascorsi solo tre giorni da quando ho pubblicato un articolo su un’immagine della pagina Facebook Vabbè: forse è un po’ presto per parlarne ancora, ma gli amministratori di quella pagina sono molto prolifici.

Il campo neutro lascia spazio alla frase

Se ne vale la pena, si trova sempre tutto. Tempo, coraggio, scusa e motivo

Non sempre è facile individuare ciò per cui vale veramente la pena vivere: abituati così come siamo al nostro tranquillo ménage quotidiano fatichiamo a vedere delle alternative a ciò che abbiamo fissato in testa o sulla nostra agenda.

Siamo sicuri di una cosa: sappiamo che esiste un modo diverso di vivere la giornata, ma non sappiamo quale sia. Forse è la paura che ci blocca, ma non ce ne rendiamo conto.

Non credo che fissarsi sulla decisione di fare qualcosa di diverso sia producente: trovo più opportuno lasciare fare al caso, alla fatalità, al destino, all’inconscio…a quella cosa che (in qualunque modo vogliate chiamarlo) vi farà fare la scelta giusta.

Noi dobbiamo fare solo due cose:

  1. Prenderci il tempo di ascoltarci
  2. Essere aperti al cambiamento

Il secondo punto è la chiave del cambiamento che tanti cercano, ma che pochi trovano, a causa della loro chiusura mentale.

La mia psicanalista sosterrebbe che faccio parte dei tanti, ma credetemi che sto cercando di entrare nell’èlite dei pochi.

 

 

Nessuno può essere libero se costretto ad essere simile agli altri

Frase di Oscar Wilde
Nessuno può essere libero se costretto ad essere simile agli altri

Certe pubblicità sono più efficaci di altre e i curatori della pagina Facebook de Il mio libro  lo sanno bene.

Lettura e scrittura sono sinonimi di libertà: leggendo e scrivendo ci rifugiamo in un mondo tutto nostro. Se c’è uno scrittore che ben incarna questo concetto è Oscar Wilde, infatti si deve a lui la frase

Nessuno può essere libero se costretto ad essere simile agli altri

Per quanto mi riguarda, solo grazie alla mia terapeuta ho capito questo concetto: io sono libero di vivere come mi pare, gli altri non hanno il diritto di giudicarmi.  Pensandoci bene, non esiste una sola persona di cui ho pensato

Si comporta come….

seguito dal nome di un’altra persona. Eppure commettiamo due errori:

  1. Spesso cerchiamo di emulare gli altri
  2. Altre volte, giudichiamo gli altri per il loro comportamento

Sia chi viene emulato, sia chi viene giudicato ha tutto il diritto di criticare chi lo fa domandando

Ma come ti permetti?

A volte, non è neppure necessario fare a domanda direttamente: basta comportarsi di conseguenza. Non posso portare esempi personali, ma solo generici. Supponiamo che una persona manchi di rispetto ad un suo amico, giudicando il suo comportamento. Ognuno può comportarsi come meglio crede (del resto, siamo in democrazia): io mi limito a incassare e…a sparire dalla circolazione, perché non mi piace litigare.

Io non posso insegnarvi a vivere: andrei contro i miei principi ed anche io ho ancora molto da imparare, come tutti del resto.

La gente non nasce depressa. Lo diventa a forza di trasformare i vaffanculo in silenzi.

Frase dal web
La gente non nasce depressa. Lo diventa a forza di trasformare i vaffanculo in silenzi.

Il web ci insegna non è necessario essere dei premi nobel della letteratura per conoscere ed esprimere la verità.

Proprio per questo mi piacciono le frasi anonime: ognuno di noi può dirle. Non avendo abbastanza competenze linguistico-letterarie (o non volendole usare) sono anche più schiette e sincere.  La frase di oggi ne è un esempio

La gente non nasce depressa. Lo diventa a forza di trasformare i vaffanculo in silenzi.

Solo Charles Bukowski usava un linguaggio scurrile nei suoi scritti: per tutti gli altri scrittori, non sarebbe risultato appropriato nemmeno stilisticamente parlando.

Forse è proprio per questo che la letteratura è piena di casi di depressione: gli autori non vengono ascoltati, ma letti! Manca il contatto umano tra autore e scrittore, tra blogger e utente internet, fra amici che debbono accontentarsi del telefono per sentirsi!

Non essere ascoltati può generare rabbia: non sfogare la rabbia può essere molto pericoloso.

Il problema nasce da vari fattori:

  • Ci vediamo sempre meno
  • Chattiamo sempre di più
  • Ci ascoltiamo sempre meno
  • Parliamo sempre di più

Avete notato che vogliamo parlare tutti, ma nessuno ascolta il prossimo? Lo facciamo perché siamo così convinti delle nostre ragioni che….non ascoltiamo quelle altrui, costringendo il nostro interlocutore a tenersi dentro un vaffanculo che non riesce a venir fuori perché è sempre più percepito come un offesa, non come un modo forse un po’ troppo sanguigno per far capire al prossimo che siamo tutti uguali e tutte le opinioni devono essere rispettate.

Con le delusioni non si diventa più forti, ma più freddi

DelusioniNonPiuFortiPiuFreddi
Con le delusioni non si diventa “più forti”, ma più freddi

Molti utenti di Tumblr hanno condiviso spesso la frase

Con le delusioni non si diventa “più forti”, ma più freddi

Ponendola con uno sfondo privo di colore o con una dominante fredda, come in questo caso, per rimarcare il concetto.

Trovo che sia un concetto tanto giusto quanto lapalissiano: ciò che ci rafforza non sono le delusioni, ma i tentativi falliti nel conseguire un risultato pratico.

La delusione ci indebolisce ed è più rivolta ad una o più persone che ad un qualsiasi evento. Una frase semplice come

Non mi capisci!

non è sintomo di rabbia, ma di delusione: convinti di essere accettati per ciò che si è, ci troviamo spesso a confrontarci con persone che hanno preferito trincerarsi nelle loro convinzioni piuttosto che ascoltarci.

Di esempi personali ne è piena la mia vita: trovo difficile concentrarmi su uno solo di essi per descriverlo.

Quale potrebbe essere la nostra forza, in casi come questo? La certezza di aver fatto la scelta giusta, dettata dalle nostre esperienze passate, che gli altri non conoscono. Questo ci rende più tenaci e, solo in apparenza, più freddi.

In realtà, rivolgiamo il nostro calore verso altre persone, perché ci siamo resi conto di aver rivolto le nostre attenzioni alla gente sbagliata.

 

"Non lo sai, vero? Che ogni piccola cosa per me è importante."

Frase di Eugenio Montale
“Non lo sai, vero? Che ogni piccola cosa per me è importante.”

Oggi la pagina Facebook I valori della vita mi ha veramente spiazzato, condividendo una frase di Eugenio Montale

“Non lo sai, vero? Che ogni piccola cosa per me è importante.”

Mi sarei aspettato da un poeta  Premio Nobel qualcosa di molto più complicato da spiegare o su cui riflettere, invece ho poco da dire.

La vita è fatta anche di piccoli gesti:

  • Un caffè preso prima dell’ufficio
  • Una telefonata per salutarsi
  • Essere sinceri con il prossimo

Cose banali? Forse…ma per me contano molto, tanto che non sarei capace di infrangere quello che io chiamo il mio personalissimo codice civile e penale.

Mi costa fatica? Si e no: a volte sarebbe meglio tacere la verità. Tuttavia, ho imparato una cosa: prima o poi, la verità viene sempre a galla! Perché infrangere il terzo punto? Non ha senso: a meno che vogliate fare una sorpresa a Natale a vostro figlio, meglio dire subito come stanno le cose, senza tergiversare.

Ci sarebbe l’alternativa del silenzio: non dite la verità, ma non dite nemmeno una bugia. Ma quanta fatica vi costa, in termini emotivi?

Parlando degli altri due punti, basta poco a capire che – a volte – non è necessario organizzare un evento mondano per condividere del tempo con qualcuno: basta un semplice aperitivo al bar e una chiamata per organizzare il tutto.

 

 

 

 

 

Quante volte pensano che tu non ti accorga di niente, e invece sei solo educato

Frase di Ginevra Cardinal
Quante volte pensano che tu non ti accorga di niente, e invece sei solo educato

Oggi  la pagina Facebook Perle di saggezza ha condiviso una frase di Ginevra Cardinal che mi rappresenta molto

Quante volte pensano che tu non ti accorga di niente, e invece sei solo educato

In vita mia, ho ingoiato molti rospi. I motivi sono fondamentalmente tre:

  1. Educazione
  2. Carattere
  3. Sensazione di inferiorità

Il fatto che stia parlando di una sensazione non fà sì che l’inferiorità non sia reale: generalmente, le persone più sanguigne hanno facilmente la meglio su di me. L’educazione ed il carattere fanno il resto: odio litigare anche per le cose che considero vitali.

L’alternativa sarebbe pazzescamente semplice: sedersi ad un tavolo e discutere….magari animatamente, ma discutere, non litigare.

Cosa vedono le persone quando discutono con me? Semplicemente un ansioso. Il problema (per loro e per me) è che non sono semplicemente un ansioso: come tutti voi, anche io sono molto complesso, difficilmente etichettabile con un singolo aggettivo.

Per non rompere quel fragile equilibrio che si instaura nei rapporti, lascio correre …fino a quando non mi stufo… e le persone non mi vedranno più.